U’ Pastizz ‘Rtunnar

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
U’ Pastizz ‘Rtunnar

Il “Pastizz” di Rotondella è un calzone di dimensioni comprese tra i 15 ed i 20 cm ripieno di carne, prevalentemente di maiale, che viene cotto nel forno a legna. Di colore giallo dorato, ha una caratteristica forma a mezzaluna che rimanda ad una simbologia legata alla fertilità, prosperità e femminilità, come un grande grembo materno ripieno di ricchezze. Si tratta di un prodotto così tipico del territorio comunale di Rotondella (in provincia di Matera) che i suoi abitanti vengono simpaticamente chiamati ‘pastizzari’.   Per preparare l’impasto si utilizza farina di grano duro, strutto, acqua, olio extravergine di oliva e sale. Le parti di carne fresca utilizzata per il ripieno devono essere tagliate a piccoli pezzetti. A questa operazione serve l’aggiunta di sale e degli altri ingredienti: uova, formaggio, prezzemolo triturato, pepe, sale e olio extravergine di oliva; il tutto si lascia amalgamare per circa mezz’ora. La sfoglia è poi farcita e richiusa a forma di mezzaluna. Il pastizz ha subito nel tempo la contaminazione di culture ed usanze diverse, anche di origine albanese, che, con gli aromi della propria terra, hanno variato ed arricchito la gastronomia locale. Rotondella, infatti, è stata per tutto il ‘700 e l’800 un centro “in divenire”, con l’arrivo e lo stabilirsi sul suo territorio di nuclei provenienti da varie parti della Basilicata.   In passato, considerando anche lo scarso utilizzo di carni da parte delle popolazioni per tutto il ‘700 e l’800, la sua preparazione era legata a tre momenti particolari dell’anno: l’uccisione del maiale, la Pasqua e la festa di Santa Maria d’Anglona (A Maronna ‘Ra Gnone) agli inizi di settembre. La tradizione era dettata anche dalla maggiore disponibilità di carne in quei periodi e la preparazione del Pastizz rappresentava la possibilità di trasportare carne offrendo un prodotto nutriente e buono. Durante la processione della Beata Vergine Santa Maria d’Anglina, ad esempio, il Pastizz rapresentava un comodo snack da gustare durante l’evento.   Il pastizz viene preparato dalle famiglie ma si può trovare anche in alcuni forni, nei bar, nei locali come pizzerie, trattorie ed agriturismi, ma la tradizionale tecnica di preparazione “a punta di coltello” sta progressivamente scomparendo perché troppo dispendiosa in termini di tempo. Molte giovani famiglie preferiscono acquistare prodotti più commerciali e più facili da reperire e consumare, portando così alla scomparsa di questo prodotto tradizionale.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneItalia
Regione

Basilicata

Altre informazioni

Categorie

Pane e prodotti da forno