Linfa di agave

Torna all'archivio >
Linfa di agave

Chaguarmishky

L’agave è una pianta molto comune sulle Ande. Si stima che esistano circa 300 specie di agave, di cui solo 200 sono state classificate botanicamente. L’agave detta nag trova in particolare sulle terre di Cangahua, nella regione centro-settentrionale dell’Ecuador, che sono sabbiose e poco fertili. In questa zona, tra i 2000 e i 3000 metri sul livello del mare, la pianta trova le migliori condizioni per crescere. Il nag raggiunge i tre metri di diametro. Le sue foglie sono di colore grigio – blu: sono dure, carnose, cerose e di forma allungata, con spine sui bordi e una spina più grande in punta. Le foglie sono distribuite a spirale intorno a un breve e legnoso tronco. La maturazione è lenta, fino a 15 anni e, raggiunta la stagione riproduttiva, uno stelo grande e legnoso cresce nel centro della pianta e può raggiunge i dieci metri di altezza. In Quichua, è noto come chaguarquero mentre il chawuarmishky è la linfa dolce del cuore della pianta (chawar=estrarre mishky= dolce). Quando le foglie iniziano a piegarsi e sta per crescere il chawarquero (tra i 12 e i 15 anni) si può raccogliere la linfa chiamata chahuado. Oggi la maggior parte dei nag cresce allo stato selvatico. Durante il Colonialismo il cronista spagnolo Gutierrez de Santa Clara (1544-1548) scrisse: ‘tutto ciò che la natura poteva dare alla razza umana per sopravvivere è contenuto in questa pianta, che l’uomo usa per vestirsi, mangiare e bere e curarsi…’ (in O. Pardo, 2005). Secondo la tradizione, la linfa è da raccogliere durante una notte buia, facendo un foro tra la quarta e la quinta foglia. Il foro deve essere riempito con acqua e poi coperto. Dopo otto giorni, una donna può passare durante il giorno, prendere l’acqua accumulata nel foro e raschiare un po’ di più all’interno. Da quel momento in poi, un liquido dolce si accumula costantemente e questo succo può essere raccolto 2-3 volte al giorno per circa 40 giorni. Durante questo periodo, l’ uomo, secondo la tradizione locale, non dovrebbe più avvicinarsi alla pianta. La linfa è praticamente scomparsa dal mercato: negli ultimi anni un paio di produttori indipendenti e due associazioni hanno iniziato a venderla in occasione delle fiere nelle regioni di Tabacundo – Cayambe (provincia di Pichincha ) e Saquisilí (provincia di Cotopaxi). Attualmente, lo sciroppo si trova nei negozi biologici e equosolidali, ma la maggior parte delle persone non conosce la sua storia e le proprietà medicinali. Ci sono sempre meno persone che conoscono la cultura e il metodo di estrazione, così come il processo di preparazione. Il declino di questo prodotto è iniziato con la colonizzazione europea, quando tutto ciò che era indigeno era disprezzato. Inoltre, le lobby dello zucchero del paese hanno cercato di ostacolare tutti i prodotti concorrenti degli edulcoranti.

Foto: © Marco Del Comune & Oliver Migliore

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo
Torna all'archivio >

Territorio

NazioneEcuador
Regione

Pichincha

Altre informazioni

Categorie

Altro