Patata mediterranea di alta montagna

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Patata delle dimensioni di 5-10 cm., arrotondata, poliedrica, con numerosi bitorzoli per la germinazione. Il colore della pelle è avorio-terra, l’interno è molto bianco, ragione per la quale questa patata è denominata “chicco di neve”, una caratteristica tipica dei tuberi d’alta montagna. L’area storica di produzione di questo tubero è ed è sempre stata la striscia montagnosa della Sierra Nevada, situata tra i 1000 e i 2000 m. di altitudine. Questa patata ama preferibilmente i terreni friabili provenienti dalla stratificazione di scisti silicei, tipiche formazioni geologiche del Parco Naturale della Sierra Nevada. La sua coltivazione è stata sempre in connessione con i diversi gruppi locali di agricoltori dei numerosi villaggi della Sierra Nevada, che l’hanno coltivata sia per il consumo locale che come fonte di semi per le piantagioni successive nelle fertili vallate a media e bassa altitudine della provincia. Gli agricoltori sostengono che la coltivazione di questa varietà di patata di montagna risale ai secoli XVIII e XIX, e che costituisce da sempre una tradizione agricola dei diversi agricoltori provenienti da questo territorio. Esistono anche riferimenti sulla connessione di questa varietà con quella che attualmente si produce nell’alta montagna dei Pirenei, ed è possible ipotizzare una relazione diretta tra le due varietà. Vi sono inoltre riferimenti sulle sue origini nelle montagne delle Ande, come è possible verificare sul sito web: www.redepapa.orgNegli ultimi secoli questa patata si produce nell’area storica di alta montagna della Sierra Nevada, il che attualmente presenta dei problemi nella continuazione di questa coltivazione, che è relegata a 2 vecchi agricoltori i quali la continuano e con i quali manteniamo i contatti per il suo recupero, fondamentalmente nei villaggi di Nigüelas e Güéjar Sierra. In questo momento abbiamo un accordo con il principale produttore della zona per la produzione di 500 kg. di semi, che costituiscono il punto di partenza del processo di recupero di questo prodotto, che viene piantato anche in vallate fertili a media e bassa altitudine, dove la produzione secondo il seguente ciclo è preferibile: da maggio a settembre: alta montagna mediterranea. da febbraio a giugno: vallate fertili di montagna mediterranea a media altitudine (tra 600-800 m.) da ottobre a febbraio: vallate fertili costiere a bassa altitudine, tornando poi di nuovo a concludere il ciclo coltivando i semi nell’alta montagna della Sierra Nevada.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneSpagna
Regione

Andalucia

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali