Kilichi

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Il kilichi è il nome della carne di bovino, ma anche di pecora o di capra, essiccata e condita con il burro di arachidi speziato del popolo Tikar (anche questo sull’Arca del Gusto).

Questo metodo tradizionale di conservazione della carne ha una storia antica e ha conosciuto il periodo di massima produzione alla meta del diciannovesimo secolo, quando avvennero le invasioni dei popoli Foulani e Bororo, tradizionalmente allevatori di bovini. Ed è anche il periodo durante il quale è stata introdotta la religione musulmana presso i Tikar. Questi eventi hanno fatto sì che il kilichi diventasse un elemento importante della loro gastronomia. La sua produzione ha iniziato a diminuire con l’arrivo della malattia del sonno provocata dalla mosca tsé-tsé, che danneggia soprattutto i bovini, con la carne dei quali si fa il kilichi migliore. Un unico villaggio, chiamato Bankim, ha conservato questa tradizione, perché la sua posizione geografica l’aveva preservato della mosca tsé-tsé.

La tecnica di produzione prevede di tagliare la carne a filetti fini e piatti, che sono poi salati e cotti in un forno a legna, dove sono girati ogni 5 minuti per garantire una cottura uniforme. Dopo 30 minuti, alla carne tolta dal forno si aggiunge una miscela di spezie (aglio, zenzero, peperoncino africano nero, chiodi di garofano) e di burro di arachidi speziato. Questo trattamento della carne viene chiamato “soya”. In seguito la carne viene essiccata al sole per 3 o 4 giorni. Si mangia come spuntino e può essere abbinato con tutti i tipi di amidacei.

Il kilichi fatto con il metodo tradizionale, la cui ricetta può comunque variare in parte da una località all’altra, è minacciato dallo sviluppo di una commercializzazione di prodotti simili ma fatti con ingredienti industriali, come i dadi per il brodo, e con metodi più veloci (essicazione in un forno elettrico) mirati ad incrementare la produzione e il profitto.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneCamerun
Regione

Adamaoua

Centre

Nord

Area di produzione:Ngambé-Tikar - Nditam e Ngoumé

Altre informazioni

Categorie

Salumi e derivati carnei

Comunità indigena:Tikar
Segnalato da:Issa Nyaphaga