Farina di manioca

Torna all'archivio >

Fuba de Bom Bom

La manioca (nome scientifico Manihot esculenta), conosciuta anche come utombo o otchikalau, è una pianta che ha origini amazzoniche. È coltivata in tutte le regioni dell’Angola: la produzione è più intensa a nord, mentre al centro e al sud le coltivazioni sono un’alternativa in caso di siccità, dato che la pianta ha bisogno di pochissima acqua e di suolo poco fertile per far crescere le prime radici. Sebbene la dieta africana sia ricca di altri tipi di cereali, la manioca è infatti coltivata soprattutto per garantire delle riserve in caso di carestie.

Le parti più consumate della manioca sono le radici e le foglie (chiamate tranca dalle popolazioni locali). In particolare, le radici sono consumate fresche, tostate o fritte e accompagnano pesce, carne o fagioli. In realtà però sono soprattutto trasformate in farina, conosciuta in Angola e Namibia come fuba de bombó, e utilizzata soprattutto per la preparazione del funje de bombó.

La preparazione della farina varia da regione a regione: al nord si prepara lasciando le radici in acqua per 3 – 4 giorni, mettendole al sole in modo che si secchino e triturandole infine in un mortaio; al sud invece si prepara semplicemente pelando le radici, mettendole a seccare al sole e successivamente sminuzzandole in un mortaio.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo
Torna all'archivio >

Territorio

NazioneAngola
Regione

Luanda

Malanje

Uíge

Altre informazioni

Categorie

Cereali e farine