Amidze

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

L’Amidze è un olio che si ottiene dalla lavorazione manuale del frutto di palma. I frutti vengono spiccati dal casco e lasciati fermentare all’aria aperta per tre-quattro giorni. In alcuni casi vengono seppelliti per accelerare le reazioni chimiche. In quest’ultimo caso il calore interno generato dalla fermentazione induce una cottura parziale del frutto, rendendone la polpa più tenera in vista di ulteriori manipolazioni. Al termine di questa prima fase i frutti vengono pestati a mano in mortai per separare il mesocarpo (lo strato intermedio carnoso) dalle noci. Il mesocarpo viene quindi lavorato per estrarne gli oli e immerso in acqua. L’olio che se ne ricava viene separato e messo da parte. Può servire a preparare vari piatti tipici ghanesi, come il mpotompoto, lo stufato di okra, la salsa palaver e lo stufato di kontomire. È un olio dal gusto caratteristico, diverso da quello dell’olio di palma industriale.

Il procedimento tradizionale viene tramandato di generazione in generazione di madre in figlia. In un primo tempo l’olio era prodotto esclusivamente per il consumo della famiglia. Solo più tardi si è iniziato a venderlo sui mercati locali per arrotondare gli introiti del nucleo domestico. Nelle località di Kpando Fesi, Nyagbo Odumase, Hohoe, Jasikan e Kadjebi si continua a produrre ancora oggi, ma l’Amidze risulta comunque a rischio di estinzione a causa della concorrenza dell’olio di palma industriale e dell’incapacità delle comunità locali che lo producono di farne un marchio riconoscibile e competitivo.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneGhana
Regione

Volta

Altre informazioni

Categorie

Olio