Olio di cocco macaúba di Jaboticatubas

Brasile

Minas Gerais

Frutta fresca, secca e derivati

Olio

Torna all'archivio >

La produzione dell’olio di macaúba ha un forte legame con la storia del territorio di Jaboticatubas, città della regione metropolitana di Belo Horizonte, all’inizio del tratto della Serra do Espinhaço conosciuto come Serra do Cipó.
La palma di macaúba, nonostante la forte deforestazione degli ultimi decenni per la produzione di carbone, la creazione di aree destinate a pascolo e la costruzione di condomini residenziali, continua a dominare il paesaggio della regione. In passato, la lavorazione del frutto, una delle principali attività della città, ha dato un forte impulso all’economia locale: le famiglie locali destinavano i frutti raccolti principalmente a un saponificio (aperto nel 1942). Con l’avvento degli oli industriali il saponificio fallì, ma le famiglie proseguirono la tradizione della cura delle palme, della raccolta e della lavorazione artigianale del cocco macaúba per il consumo familiare e per la vendita nei mercati regionali.
L’olio di macaúba si ottiene dalla trasformazione della noce (la parte interna del frutto) della palma omonima (il suo nome scientifico è Acrocomia aculeata).
La raccolta avviene dopo che i frutti si sono staccati naturalmente dall’albero, quando il guscio esterno è secco e friabile e la polpa interna visibilmente matura (di colore giallognolo, con un aroma lievemente fermentato e aspetto oleoso). La polpa, molto nutriente, è amata dagli animali sia selvatici sia di allevamento, in particolare dai bovini, e può essere usata anche per estrarre un olio di qualità inferiore (lievemente ossidato), impiegato per la produzione di sapone.
L’olio destinato al consumo umano, noto anche come óleo da gema, è estratto dalla noce dopo un periodo più o meno prolungato di fermentazione della frutta spolpata. Il guscio, tradizionalmente, si spezza con una pietra o un bastone o, in alcuni casi, con macchinari specializzati. Poi le noci sono tostate in forno per circa 20 minuti – per rendere più facile l’estrazione dell’olio e conferirgli il sapore caratteristico – e quindi triturate fino a formare una pasta viscosa. In passato questo processo avveniva manualmente in un mortaio di legno, solitamente di quercia, di pequi o di jacaranda. Oggi si impiega una macchina elettrica che, in pochi minuti, svolge il lavoro di un’intera giornata al mortaio. Alla pasta così triturata o macinata si aggiunge dell’acqua e il liquido viene portato a bollore in una pentola, mescolando costantemente affinché non si attacchi al fondo. Quando l’acqua comincia a bollire, le gocce di grasso affiorano in superficie aggregandosi e l’olio viene raccolto delicatamente con un mestolo. Per ottenere un grasso puro e sano, si passa ancora sul fuoco, affinché scompaia ogni possibile traccia d’acqua.
La pasta che rimane nella pentola, detta massa restolho, viene prelevata e conservata in un fusto: è la cosiddetta “torta” degli animali e servirà come alimentazione di pollame e suini.
Oggi è possibile estrarre l’olio direttamente dalle noci fresche con l’uso di una pressa. Il prodotto così ottenuto ha un sapore più delicato e un aspetto più limpido. In questo caso la “torta” può essere destinata anche all’alimentazione umana, perché conserva alcune caratteristiche nutrizionali della polpa e una discreta quantità di fibre.
L’olio di macaúba si usa crudo per condire, per friggere, per preparare biscotti e altri prodotti da forno. Ha anche proprietà cosmetiche (idratanti) e medicinali.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo
Torna all'archivio >
Il Presidio è nato per valorizzare la produzione artigianale dell’olio, per stimolarne una produzione sostenibile e un commercio equo e solidale, oltre che per tutelare una tradizione storica e consolidare e diffondere un’identità collettiva, salvaguardando la cultura e le pratiche e favorendo l’orgoglio dei produttori rispetto ai propri prodotti e territori. Il Presidio coinvolge 15 comunità, che contano circa 40 persone tra contadini, produttori e trasformatori.
La produzione dell’olio e degli altri derivati della macaúba rappresenta una fonte reddito per le comunità, permette loro di rimanere sul territorio e tutela l’ambiente. Un elemento strategico è rappresentato dal coinvolgimento dei giovani nelle funzioni amministrative, di controllo della produzione e di commercializzazione del Presidio. La seconda fase del lavoro prevede il rimboschimento delle aree degradate, con la reintroduzione della macaúba e di altre specie autoctone.
L’attività di coordinamento del Presidio è portata avanti con il sostegno dell’Associazione Amanu - Educação, Ecologia e Solidariedade (educazione, ecologia e solidarietà), L’intento è diffondere i principi dell’agroecologia e consolidare un’organizzazione collettiva e comunitaria. Il gruppo produce olio, ma raccoglie, coltiva e trasforma anche diversi altri prodotti (frutta autoctona, riso, etc), realizza orti e si occupa di agroforestazione.
Dal 2012 le comunità coinvolte organizzano il mercato Feira Raízes do Campo, un importante spazio di scambio, commercio e sensibilizzazione. Il mercato ha rappresentato uno stimolo per la costruzione di un locale destinato alla lavorazione di prodotti derivati del cocco macaúba, e di uno spazio per il commercio dei prodotti e l’organizzazione di incontri culturali.

Area di produzione
Villaggi di Capão do Berto, Espada, Xirú, Almeida, Barreiro, Capão do Sapé, Mato do Tição, Jardim das Oliveiras, Paciência, Maré Mansa, Sede, Capão Grosso, Vila de Santa Rita, Santo Antônio da Palma, São José da Serra, area rurale di Jaboticatubas, regione metropolitana di Belo Horizonte, Minas Gerais.

Partner tecnico
Amanu - Educação, Ecologia e Solidariedade

Presidio sostenuto da
Slow Food Brasil
Universidad Federal de Santa Caterina
Secretaria Especial de Agricultura Familiar e do Desenvolvimento Agrario
Casa Civil
Governo Federale del Brasile
15 comunità che coinvolgono una quarantina tra contadini, produttori e trasformatori agroecologici
Referente dei produttori del Presidio
Ramonn Mello
Tel. +55 31 9505-7779
associacaoamanu@gmail.com

Referente Slow Food
Marcelo Aragão De Podestá
marcelo@podesta.com.br
Il Presidio è nato per valorizzare la produzione artigianale dell’olio, per stimolarne una produzione sostenibile e un commercio equo e solidale, oltre che per tutelare una tradizione storica e consolidare e diffondere un’identità collettiva, salvaguardando la cultura e le pratiche e favorendo l’orgoglio dei produttori rispetto ai propri prodotti e territori. Il Presidio coinvolge 15 comunità, che contano circa 40 persone tra contadini, produttori e trasformatori.
La produzione dell’olio e degli altri derivati della macaúba rappresenta una fonte reddito per le comunità, permette loro di rimanere sul territorio e tutela l’ambiente. Un elemento strategico è rappresentato dal coinvolgimento dei giovani nelle funzioni amministrative, di controllo della produzione e di commercializzazione del Presidio. La seconda fase del lavoro prevede il rimboschimento delle aree degradate, con la reintroduzione della macaúba e di altre specie autoctone.
L’attività di coordinamento del Presidio è portata avanti con il sostegno dell’Associazione Amanu - Educação, Ecologia e Solidariedade (educazione, ecologia e solidarietà), L’intento è diffondere i principi dell’agroecologia e consolidare un’organizzazione collettiva e comunitaria. Il gruppo produce olio, ma raccoglie, coltiva e trasforma anche diversi altri prodotti (frutta autoctona, riso, etc), realizza orti e si occupa di agroforestazione.
Dal 2012 le comunità coinvolte organizzano il mercato Feira Raízes do Campo, un importante spazio di scambio, commercio e sensibilizzazione. Il mercato ha rappresentato uno stimolo per la costruzione di un locale destinato alla lavorazione di prodotti derivati del cocco macaúba, e di uno spazio per il commercio dei prodotti e l’organizzazione di incontri culturali.

Area di produzione
Villaggi di Capão do Berto, Espada, Xirú, Almeida, Barreiro, Capão do Sapé, Mato do Tição, Jardim das Oliveiras, Paciência, Maré Mansa, Sede, Capão Grosso, Vila de Santa Rita, Santo Antônio da Palma, São José da Serra, area rurale di Jaboticatubas, regione metropolitana di Belo Horizonte, Minas Gerais.

Partner tecnico
Amanu - Educação, Ecologia e Solidariedade

Presidio sostenuto da
Slow Food Brasil
Universidad Federal de Santa Caterina
Secretaria Especial de Agricultura Familiar e do Desenvolvimento Agrario
Casa Civil
Governo Federale del Brasile
15 comunità che coinvolgono una quarantina tra contadini, produttori e trasformatori agroecologici
Referente dei produttori del Presidio
Ramonn Mello
Tel. +55 31 9505-7779
associacaoamanu@gmail.com

Referente Slow Food
Marcelo Aragão De Podestá
marcelo@podesta.com.br

Territorio

NazioneBrasile
RegioneMinas Gerais

Altre informazioni

CategorieFrutta fresca, secca e derivatiOlio