Tarwi

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Il Lupinus mutabilis è una pianta originaria delle Ande, coltivata principalmente per la sua fava commestibile. Oltre 1500 anni fa le popolazioni preincaiche ne iniziarono la coltivazione domestica.I termini locali usati per questo legume comprendono tarwi, tarhui, chocho, chuchis muti, altramuz. La pianta raggiunge il suo massimo sviluppo a cinque mesi: durante la sua crescita produce quasi continuamente fiori e frutti: i fiori cambiano colore durante questo processo di sviluppo. Cresce meglio fra 1500 e 2500 metri, nelle alte vallate e nelle zone fredde delle montagne tropicali. A seconda della varietà, semi e grani hanno colori diversi, che cambiano a seconda del luogo di provenienza.Si ritiene che le specie coltivate oggi in prevalenza derivino da una varietà selvaggia andina. L’uso antico del tarwi è documentato dal ritrovamento di semi in alcune caverne del Perù, oltre che da figurine in ceramica di epoca precolombiana. Pertanto il tarwi ha un’importanza storica per la cucina, in quanto esso è coltivato da moltissimo tempo.Il tarwi ha un contenuto estremamente elevato di proteine e olio. Poiché quasi metà di un fagiolo è composta di proteine dal punto di vista nutrizionale è paragonabile alla soia. Contiene inoltri quantità assai elevate di lisina, un aminoacido essenziale che non può essere sintetizzato. La farina di tarwi è mescolata alla farina di frumento per produrre molte varietà di pane locale. Ciò è vantaggioso in quanto la farina di frumento notoriamente è carente di lisina. Il prodotto è usato come ingrediente principale di zuppe, insalate e stufati ed è regolarmente combinato con la quinoa o l’amaranto.Nonostante l’elevato valore nutritivo della fava, il tarwi è praticamente sconosciuto al di fuori delle Ande. Ciò probabilmente è dovuto al fatto che i semi contengono alcaloidi amari, che possono risultare sgradevoli se non vengono eliminati prima del consumo, lasciando il tarwi in acqua per 24 ore. Questo consumo assai limitato ed altamente localizzato vede, oggi, una produzione relativamente scarsa. Tuttavia il tarwi resta un componente importante della dieta locale, poiché esso è assai nutriente e si integra bene nei piatti tipici della regione.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneArgentina
Regione

Mendoza

Neuquén

San Juan

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali