Sok gorani

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

I Gorani, una minoranza etnica che conta circa 30.000 persone, vivono nella trans- regione montana divisa tra Albania, Kosovo e Macedonia, nei Balcani del sud. La lingua parata dalla minoranza Gorana viene chiamata našinski ed appartiene ad un dialetto che si presenta come un misto tra le lingue bulgare/macedoni e quelle serbo/croate.

Tra i Gorani si mantiene viva una forte tradizione che prevede la fermentazione di frutta locale (selvatica ma anche coltivata) per produrre una bevanda non alcolica bensì una bibita gassata. Questo prodotto viene chiamato Sok: viene realizzata in un ambiente anerobico ed usando delle bottiglie (o barattoli) sigillati in cui viene messa la frutta precedentemente bollita. A volte viene anche aggiunto dello zucchero durante il periodo di fermentazione, per alimentare e aumentare la produzione di gas sotto forma di Co2.

Per realizzare la bevanda Sok vengono usate soprattutto prugne, susine, mirtilli, bacche di ginepro oppure di rosa caninca ma anche mele selvatiche o mirabolani; si tratta soprattutto di frutti selvatici che giocano un ruolo cruciale nella dieta tradizionale dei Gorani e che vengono utilizzati in diversi modi (fermentati oppure sciroppati o altro) per massimizzarne il loro uso e conservarne delle scorte nel lungo periodo. La bevanda sok viene utilizzata come bibita rinfrescante ma anche come bevanda salutare, che porta dunque dei benifici alla salute.

Torna all'archivio >

Altre informazioni

Categorie

Bevande distillate e fermentate

Comunità indigena:Gorani
Segnalato da:Andrea Pieroni