Daikon di Kozena

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Daikon di Kozena

Kozena daikon

Del daikon, rapa della specie Raphanus sativus, si mangia solitamente la radice, mentre, nel caso della rapa di Kozena, sono le foglie la parte edibile. Questo particolare ecotipo di daikon si coltiva nel territorio della città di Kami, nella prefettura di Miyagi. Sull’origine della coltivazione di Kozena daikon esistono due versioni: in base alla prima pare fosse già coltivata nella zona durante il periodo Edo (1600-1867), in base alla seconda sarebbe stata introdotta da un viaggiatore intorno al 1871. In ogni caso è certo che la popolazione della zona di Koze, territorio di Ex-Onoda-machi, attuale area della città di Kami nella prefettura di Miyagi, coltiva e consuma la Kozena Daikon (il cui nome deriva da Koze) dalla fine del XIX secolo. Qualche decennio dopo si comincia a coltivare il cavolo cinese nella zona di Koze, che intorno al 1935 inizia a soppiantare la rapa. Per recuperare questa antica varietà, nel 1985, alcune produttrici si sono riunite in cooperativa e hanno riavviato la coltivazione e la trasformazione della Kozena daikon. La cooperativa riceveva l’assistenza della prefettura e della municipalità di Kami e vendeva nei farmer’s market locali, ma nonostante ciò non è riuscita a invertire la tendenza: a causa dell’invecchiamento dei soci, della mancanza di nuovi coltivatori e della progressiva contrazione del consumo, la Kozena daikon oggi è prodotta solo da una famiglia per il proprio consumo. La stagione della semina (il seme è conservato presso il laboratorio botanico-agricolo della Prefettura di Miyagi) si concentra nei primi 15 giorni di agosto. Verso la fine di novembre, quando le foglie hanno raggiunto la lunghezza di 1 metro, si raccoglie. Le foglie non vengono essiccate, ma conservate tramite il Tsukemono, metodo tradizionale di conservazione degli ortaggi che prevede la sistemazione del prodotto – le foglie della Kozena daikon in questo caso – sotto sale. Grazie al Tsukemono le foglie possono essere utilizzate sino ad agosto dell’anno successivo alla raccolta.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneGiappone
Regione

Tohoku

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali