Pomodoro rosa Nagche

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Pomodoro rosa Nagche

Il pomodoro rosa è una varietà contadina locale che si è sviluppata dall’attenta coltura e produzione dei semi da parte delle donne. Si tratta di un pomodoro grande, che può raggiungere anche un chilo in peso. Ha la forma di un rene e diverse pieghe. Si distingue dalle varietà commerciali che sono lisce e rosse per il suo colore rosa pallido e la sua forma insolita. Ha un’alta percentuale di acqua, il che lo rende molto succoso, ma allo stesso tempo molto sensibile al trasporto prolungato.   Le piantine sono coltivate ad agosto e trapiantate verso la fine di ottobre. La pianta ha una tendenza alla crescita indeterminata, e la produzione inizia nel tardo gennaio e dura per tutto il mese di giugno in condizioni da serra. I pomodori Nagche si consumano principalmente freschi, in particolare nelle insalate con cipolla, basilico e coriandolo. Sono anche inscatolati e utilizzati come “falsi gamberetti” in una ricetta locale a base di pomodori rosa, uova, formaggio e prezzemolo.   La varietà locale di pomodoro rosa si distingue da quelli rossi e lisci che provengono da piantine commerciali grazie al processo di selezione realizzato dalle donne della zona, che ha permesso la creazione di una varietà locale. All’inizio degli anni 2000 questi pomodori iniziarono ad essere commercializzati nelle fiere locali, dove furono messi a disposizione per il consumo e i semi furono diffusi per tutto il territorio. Dal centro fino al territorio Nagche (Lumaco-Traiguén) si è diffuso per tutta la regione dell’Auracania, nella zona centro-meridionale del Cile. Nonostante ciò, il territorio Nagche rimane l’area di maggiore concentrazione, produzione e consumo, principalmente nei distretti di Traiguen, Lumaco, Puren, Galvarino, e Los Sauces.   Il pomodoro rosa Nagche si può trovare nella stagione di raccolta nelle fiere locali, da febbraio a maggio, ed è inoltre coltivato dalle famiglie per uso domestico. Si conosce principalmente nella sua area di produzione e la disponibilità dei semi e delle piante dipende dalle donne che producono e si prendono cura dei semi, le quali non stanno trasferendo questa conoscenza ai giovani. Inoltre, i programmi di sviluppo incoraggiano l’utilizzo di varietà commerciali rosse e non c’è promozione dei semi prodotti localmente. Ad aggravare la situazione, negli ultimi anni la siccità e le gelate hanno messo a rischio la produzione sul territorio.

Foto: Anabela Grunfeld

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneCile
Regione

La Araucanía

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali

Comunità indigena:Mapuche