Pomelo Dangyuja

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Pomelo Dangyuja

Dangyuji

Il dangyuja (Citrus grandis Osbeck) è una varietà di pomelo che un tempo si poteva trovare in alcune parti meridionali e settentrionali dell’isola di Jeju, ma oggi è limitato al sud, nella zona che circonda la città di Seogwipo. L’albero cresce fino ad un’altezza media di 6 metri e ha foglie lunghe 10-13 cm. Il frutto è solitamente lungo 10-12 cm, largo 9-10 cm con una buccia spessa circa 9 mm. Il singolo frutto pesa tra i 300 e i 500 g. In dicembre il colore del frutto diventa giallo scuro con la maturazione. Sia il frutto fresco sia la buccia, una volta essiccate o bollite, possono essere consumate. Il frutto è acido e la buccia leggermente amara. Si propaga per innesto.   Il frutto viene utilizzato per preparare il tè dangyuja. Mentre il frutto può essere amaro o acido, se conservato in un dolcificante può essere usato per preparare un tè che viene bevuto per prevenire e curare il raffreddore. Un’altra preparazione del frutto è una sorta di sciroppo. Il frutto viene aperto ad una estremità e la polpa viene scavata e riempita con miele e zenzero, poi richiuso. Viene poi cotto nella cenere di un fuoco e dopo la cottura viene consumato il succo, di nuovo per combattere il comune raffreddore. Viene inoltre acquistato localmente in occasione di celebrazioni per gli antenati.   Si pensa che questa varietà fu portata nell’isola di Jeju dalla Cina circa 1000 anni fa. Le testimonianze la riconoscono come una delle varietà presentate ad un re della dinastia Joseon, ed era già presente da diverse centinaia di anni nel diario di un re datato 1724. Oggi questo albero è scomparso da diverse aree dove era un tempo comune. Esistono 24 alberi di dangyuja che hanno più di 100 anni protetti dal governo locale, ed alcuni si trovano nei giardini privati delle abitazioni. Nel 2011 sono stati innestati 200 alberi nel villaggio di Seohung-dong come parte di un progetto dedicato agli alberi da agrumi. Ogni anno si raccolgono circa 2000 kg di frutta. Oggi l’introduzione di altre varietà di agrumi con polpa più dolce e commestibile, come le varietà giapponesi di mandarini, ha fatto sì che i frutti del dangyuja locale scomparissero gradualmente. Diminuito è anche il loro uso nelle preparazioni mediche allo scopo di curare il raffreddore.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneCorea del Sud
Regione

Jeju-do

Altre informazioni

Categorie

Frutta fresca, secca e derivati