Pasacana

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Il Pasacana (Harrisia bonplandii) è chiamato anche yepaat o neko dalla popolazione Toba e chitan chile da quella Wichì. Cresce sulle montagne, nella radura delle foreste e nelle zone semiaride delle regioni di Salta, Formosa e Chaco in Argentina. Può arrivare ad un’altezza di oltre 3 m se ha un punto in cui appoggiarsi. Fiorisce in primavera e presenta fiori bianchi, lunghi tra i 35 e i 50 cm.   I frutti sono rotondi; all’esterno, hanno un colore rosso scuro e una buccia squamosa, mentre la polpa è bianca. I frutti, che hanno un sapore che va dal dolce all’acido, sono facili da raccogliere poiché senza spine e possono essere consumati freschi. Non è necessario siano completamente maturi per il consumo. Spesso vengono confezionati dolci con i frutti e se vengono usati quelli più dolci non c’è bisogno di aggiungere ulteriore zucchero. Oltre ai frutti, anche le radici possono essere consumate durante l’inverno. Per rimuoverle dal terreno è necessario scavare con una pala o a mani nude, se la terra è molle. Le radici vengono bollite come la manioca o possono essere arrostite sulla cenere. Le comunità indigene Pilagà le mangiano con grasso di alosa.   Il Pasacana non è coltivato e venduto; oggi il livello dei consumi è molto basso, soprattutto limitato alle popolazioni indigene e alle comunità rurali. Tra le giovani generazioni, il frutto è poco conosciuto come risorsa alimentare: per questo il prodotto rischia di scomparire tra le tradizioni alimentari dell’area.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneArgentina
Regione

Chaco

Formosa

Salta