Ombrina essiccata di Namibe

Torna all'archivio >

Corvina seca do Namibe

La Corrente del Benguela è una corrente oceanica che scorre dalla costa occidentale del Sudafrica verso il nord del continente: questa corrente di upwelling è considerata la più produttiva del mondo in termini di biomassa e vita marina che favorisce.

Nella Provincia di Namibe l’attività di pesca è primaria fonte di sostentamento per le popolazioni costiere e il principale settore economico locale. La biodiversità ittica è molto varia: il carapau (sugarello), la corvina (ombrina) e il caranguejo (granchio di mare) sono tra le specie più pescate e caratteristiche della cultura gastronomica locale. Nonostante molte flotte straniere sfruttino questa ricca porzione di mare praticando una forma di pesca industriale e semi-industriale (cresciuta esponenzialmente dopo l’indipendenza dal Portogallo proclamata nel 1975), la piccola pesca soddisfa la maggior parte del mercato interno e provvede al sostentamento della popolazione locale.

La pratica di essiccazione del pesce (principalmente per mano delle donne) deriva dalla necessità di conservare il prodotto in assenza di adeguate infrastrutture e risorse per il congelamento del pescato. L’ombrina è una delle specie che meglio si prestano all’essiccazione poiché di taglia medio-grande, anche se è facile trovare anche sugarelli e altri pesci essiccati allo stesso modo. Il pesce, acquistato direttamente dalle donne dai piccoli pescatori, viene pulito, inciso per il lungo e aperto a libro; l’abbondante salatura ne favorisce la conservazione e lo protegge da mosche e altri insetti. Dopo qualche giorno, il pesce viene posto su dei graticci inclinati esposti al sole e vi rimane fino a seccare completamente. Il pesce secco è utilizzato come ingrediente in molti piatti tra cui per esempio il calulù, una zuppa densa di pesce fresco e secco con aggiunta di cipolle, pomodori e foglie di patata dolce, accompagnato dal funje, la tipica polenta di miglio o manioca.
L’aumento delle imprese che processano il pescato per l’esportazione di farine e olio di pesce e l’intensificarsi della pesca industriale mettono oggi a rischio la pesca artigianale e, di riflesso, questa tradizionale pratica di conservazione.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo
Torna all'archivio >

Territorio

NazioneAngola
Regione

Namibe

Altre informazioni

Categorie

Pesce, frutti di mare e derivati

Segnalato da:Teresa Francisco Asarada