Oca di Kholmogory

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Oca di Kholmogory

L’oca di Kholmogory è una razza tradizionale della regione russa del Vladimirskiy. Si tratta di una delle razze russe più preziose e antiche, addomesticata da tempo nella Russia centrale. Un tempo le oche di Kholmogory erano comuni nelle regioni di Chernihiv, Voronezh, Kursk, Tambov, nella parte sud di Oryol come nella zona settentrionale delle regioni di Volgograd, Rostov, Khakiv e Sumy. Oggi, sfortunatamente, queste oche sono allevate raramente da allevatori non professionisti. Sebbene l’oca Kholmogory abbia un’elevata capacità di adattarsi al clima e possa essere allevata e cresciuta in qualsiasi zona della Russia, non vi è attualmente un sufficiente numero di capi per ripopolare rapidamente la razza.

Le oche di Kholmogory si sono adattate perfettamente alle condizioni locali. Sono grandi, con un corpo massiccio, il capo grande, una fronte con un rigonfiamento dell’osso frontale e una piega della pelle sotto il becco (chiamata “borsa”). Il piumaggio di queste oche può essere bianco, grigio o maculato, ma la più pregiata è l’oca completamente bianca. Il becco e le zampe di queste oche sono di colore giallo-arancione. Hanno un collo lungo e un petto largo, una carne di alta qualità, crescono in fretta e ingrassano bene oltre a fornire uova relativamente grandi. Le oche Kholmogorskoye depongono una media di 20-25 uova annualmente, di 170-200 grammi ciascuno. La qualità della schiusa è alta, e le oche sono molto brave a covare le loro uova. Le piccole oche crescono in fretta e danno carne grassa e di alta qualità, piume e piumini.

Una volta l’oca Kholmogory era ampiamente diffusa nella Russia centrale orientale, oggi invece sta diventando una razza molto rara. Il suo declino è dovuto a diversi fattori come il basso tasso di riproduzione e la pratica di incroci per aumentare la produzione di uova e la dimensione media dell’animale.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneRussia
Regione

Oryol oblast

Altre informazioni

Categorie

Razze animali e allevamento