Naju jeolgutdaetteok

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Il Naju jeolgutdaetteok, conosciuto in dialetto locale anche come Naju boonchootteok o boondaetteok, è una torta di riso preparata con un’erba selvatica chiamata jeolgutdae (Echinops setifer).

Per la preparazione del Naju jeolgutdaetteok, un tipo particolare di injeolmi (torta di riso coreana), le piante di jeolgutdae vengono raccolte da giugno ad agosto e conservate. Una volta essiccate, le foglie secche vengono schiacciate con mortaio e pestello. Successivamente l’erba jeolgutdae viene sbollentata e mischiata con il godubap, un riso bianco coreano a chicchi corti che viene bollito per circa 6-12 ore, poi condito con sale. Il godubap e l’erba jeolgutdae vengono poi pestati, stesi su un ahn-ban (piatto di legno), appiattiti e tagliati in rettangoli. Il jeolgutdaetteok viene poi cotto a vapore o fritto, immerso nel miele o nello sciroppo di riso.

L’erba jeolgutdae è un cardo originario dell’Asia orientale, appartenente alla famiglia delle Asteraceae, originario della Corea e della Manciuria. Il genere Echinops è una parola greca composta da “echinos” (riccio) e “pos” (piedi), perché l’infiorescenza assomiglia ai piedi di un riccio. La specie setifer significa “con spine simili a capelli”. Il nome popolare jeolgutdae deriva dalla sua somiglianza con il jeol-gu-gong-ie, un tradizionale pestello di legno utilizzato per decorticare i cereali. Nella provincia di Jeolla, l’erba jeolgutdae veniva chiamata con vari nomi come boon-choo, boon-dae, bun-choo, o boon-cho. Queste piante possono crescere fino a 1 metro, i fiori sono blu e compaiono verso il mese di luglio e agosto.

Anche se il jeolgutdaetteok non è menzionato in nessun antico documento coreano, grazie alle testimonianze degli anziani della città di Naju, si può affermare con certezza che la sua storia ha più di cento anni. Fino agli anni ’60, la torta di riso era preparata con le erbe selvatiche di jeolgutdae raccolte nelle regioni montuose della provincia di Jeolla. Dopodiché la raccolta è stata vietata per consentire la protezione della pianta Echinops setifer. Di conseguenza, già a partire dagli anni ’80, la tecnica di preparazione del Naju jeolgutdaetteok è quasi scomparsa. Attualmente, il jeolgutdaetteok viene prodotto su piccola scala solo a Naju, una città della provincia di Jeolla, dove prosegue questa lunga tradizione.

Il Naju jeolgutdaetteok veniva consumato nei giorni speciali, durante le celebrazioni di Capodanno. Inoltre, essendo gli ingredienti preziosi, era un dono di matrimonio inviato dalla famiglia della sposa ai parenti del coniuge.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneCorea del Sud
Regione

Jeollanam-do

Altre informazioni

Categorie

Altro

Segnalato da:Young-il Na