Miele della foresta del Borneo Ovest

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Il miele della foresta del Borneo occidentale viene utilizzato per particolari impieghi culinari e medici. Viene consumato da giovani e meno giovani per prevenire l’influenza e viene soprattutto utilizzato da donne Dayak durante la gravidanza come integratore materno. Per quanto riguarda l’impiego culinario, viene usato per la preparazione di molti piatti particolari tipici. Viene servito con patate dolci bollite, usato come condimento per alcuni dolci e mescolato con limone o cannella per preparare una bevanda. Non viene tuttavia utilizzato così frequentemente come altri tipi di miele. Questo miele di bosco è prodotto dalla specie Apis dorsata, l’ape gigante della roccia. E’ tra le api più grandi del mondo, lunga circa 2,5 centimetri. Questa ape selvatica non può essere addomesticata come le altre api. Il miele multi-floreale che producono contiene un’elevata quantità di enzimi e antiossidanti. Si raccoglie principalmente tra dicembre a marzo, con una breve stagione secondaria nei mesi di giugno e luglio. Il miele raccolto nel mese di dicembre è più dolce e fruttato o acido nel gusto, mentre quello raccolto nel mese di giugno e luglio è più amaro. Ogni anno vengono raccolte circa 25 tonnellate. Nel Borneo occidentale, chiamato localmente Kalimantan, le popolazioni indigene raccolgono ancora questo miele da un alto albero chiamato Pohon Lalau. Insieme alla pesca, la raccolta del miele è una delle loro principali fonti di guadagno. Il miele viene raccolto da questi alberi più alti perché alcuni alveari vengono abbandonati durante le inondazioni della stagione delle piogge, mentre altri che si trovano più vicini al suolo vengono mangiati dagli orsi e dalla fauna locale durante la stagione secca. Queste popolazioni usano anche una tecnica più recente appresa dai vicini popoli dell’Asia sudorientale che utilizzano un tronco artificiale, o tikung, realizzato con legno locale, per invitare le api a nidificare lì. Il tikung è appeso a 5-12 metri dal suolo, ma durante la stagione delle piogge quest’area viene ricoperta dall’acqua, così i raccoglitori di miele lo raccolgono in barca. La raccolta del miele è un’occasione di festa religiosa nel Borneo occidentale, durante la quale viene intonata una canzone (timang Lalau) che chiede il permesso all’ape regina madre per raccogliere il miele, in cambio della protezione della foresta, rendendo le api e gli esseri umani fratelli. Quando il miele viene portato al villaggio, si svolge un’altra cerimonia di ringraziamento. Dopo il suo trattamento, viene immediatamente dato alle donne che hanno appena partorito o ai membri anziani malati della comunità. Il miele in eccesso lo si può anche trovare in vendita nei mercati locali. Originario della foresta pluviale del Borneo occidentale, attualmente sta interessando direttamente l’industria locale del miele. Il disboscamento, l’attività mineraria e la conversione delle foreste in piantagioni di palma da olio minacciano la sopravvivenza della locale ape gigante della roccia, produttrice del miele del Borneo Occidentale. Inoltre, il cambiamento climatico sta rendendo le inondazioni tipiche della stagione delle piogge sempre più imprevedibili ed estreme, influenzando negativamente il metodo di raccolta del miele.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneIndonesia
Regione

Central Java

Altre informazioni

Categorie

Miele

Comunità indigena:Malay, Dayak Iban, Dayak Kantuh e Dayak Embaloh