Mais bianco gangadi

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Gangadi makka

Il mais bianco gangadi è una varietà nativa di mais coltivata dalla comunità indigena dei Wagad e dalle comunità tribali del distretto di Banswara nello stato indiano del Rajasthan, in particolare nella zona di Anandpuri e Kushalgarh.

La regione tribale di Banswara è un’area a forte vocazione agricola ed è nota in particolar modo per la produzione di mais e grano verde, che prosperano in questa zona grazie al clima tropicale favorevole alla loro crescita. In questa regione si coltivano infatti ben quattro varietà di mais, le cui peculiarità dipendono dal colore delle pannocchie, dall’altezza della pianta e dalla durata del raccolto. La varietà gangadi è una coltura kharif, ovvero una pianta coltivata da giugno a settembre, durante la stagione dei monsoni del subcontinente indiano. Il fusto è alto da 1,5 metri a 2 metri, ha un periodo di crescita di circa 90 giorni e produce pannocchie con chicchi grandi dal caratteristico colore bianco.

Nella tradizione e nella cultura alimentare dei tribali, il mais rappresenta l’essenza del pasto e viene utilizzato in tantissime ricette. Può essere consumato crudo, grattugiato, arrostito o cotto al vapore; con la farina ricavata dalla sua macinazione si preparano molte varietà di pane (paratha, bati, bafla, roti, paniya), ma anche il porridge, il khichdi e molti dolci, tra cui i laddu, il kheer e jajriya.

Negli ultimi anni la produzione di questa varietà è diminuita in modo preoccupante. A causa della sua bassa resa, infatti, tende ad essere coltivata sempre meno dagli agricoltori, che prediligono altre varietà ibride più produttive.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneIndia
Regione

Rajasthan

Area di produzione:Distretto di Banswara

Altre informazioni

Categorie

Cereali e farine

Comunità indigena:Wagad
Segnalato da:P.L.Patel