Limone dolce del Guadalhorce

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Limone dolce del Guadalhorce

Limon dulce del Guadalhorce

ll limone dolce del Guadalhorce (valle che prende il nome dall’omonimo fiume, nel sud della Spagna) è un agrume molto aromatico dal gusto decisamente zuccherino. Osservandolo dall’esterno appare come un limone classico ma il sapore non ha alcuna traccia di acidità. Viene utilizzato per preparare dolci, salse e come consumato come frutta fresca. Compare citato per la prima volta nei testi antichi di “Conversaciones malaguenas” del 1789. La raccolta avviene due volte all’anno, una in autunno e una in primavera. E’ abbastanza resistente al freddo anche se, come tutti gli agrumi predilige i climi caldi.

Si tratta di una varietà molto antica che viene utilizzata soltanto per autoconsumo famigliare, come condimento sostitutivo dell’aceto o del limone comune. Il suo sapore dolce, seppur piacevolissimo, non lo rende adatto a conferire ai piatti l’acidità data dagli altri limone e questo lo ha probabilmente penalizzato dal punto di vista della commercializzazione e dello sviluppo. Quando questi limoni, inoltre, giungono a maturazione, si deteriorano nel giro di due o tre giorni, per cui logicamente vengono consumati dalla popolazione locale ma a causa della loro alta deperibilità rimangono sconosciuti sul mercato.

L’area tipica di produzione è la regione chiamata, non a caso, “la valle dei limoni”: l’Andalucia, la provincia di Malaga e la valle del Guadalhorce. Poiché soltanto poche famiglie possiedono queste piante, spesso molto vecchie, nei loro giardini e utilizzano i frutti solo per il consumo famigliare, il limone dolce di Guadalhorce rischia di scomparire entro pochi decenni.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneSpagna
Regione

Andalucia

Altre informazioni

Categorie

Frutta fresca, secca e derivati