Gambilya

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Gambilya

La cicerchia pisellina (Lathyrus ochrus), o gambilya, com’è chiamata in Turchia, è un legume dall’elevato contenuto proteico, utilizzato essiccato. È originario della Turchia orientale. Anche le foglie verdi e amare della pianta fresca possono essere consumate. I fagioli, che si aprono in due valve, sono di colore giallo e si trovano all’interno di un baccello marrone. Si possono facilmente confondere con la lenticchia gialla, ma sono più simili ai piselli e hanno forma squadrata rispetto alle lenticchie rotonde. È una varietà coltivata per il consumo umano molto meno diffusa di altre specie appartenenti allo stesso genere.

Normalmente questo alimento molto nutriente è usato per la preparazione di zuppe (come la zuppa louvana), ma una ricetta più elaborata è la cosiddetta fava, un meze delizioso. Si prepara lasciando ammollo in acqua la gambilya, quindi soffriggendola con cipolla, aglio, zucchero e sale. Viene quindi cotta in acqua finché si ammorbidisce e infine schiacciata insieme a un po’ di succo di limone fino a ottenere una purea. Gli abitanti dei villaggi locali consumano la gambilya anche a colazione.

Raccogliere i fagioli è molto difficile perché la pianta ha le spine, pertanto la gambilya è considerata molto preziosa tra le genti originarie di Bodrum. Costa quattro volte le normali fave, anch’esse adatte alla preparazione della ricetta descritta. È venduta localmente nella regione di Milas e Bodrum, ma non si sa esattamente in quali quantità. Sebbene in passato la popolazione locale avesse la pazienza di raccogliere e pelare i fagioli, le generazioni più giovani non sono interessate a questo lavoro, e poiché il prezzo è molto elevato rispetto ad altri legumi, ogni anno i suoi coltivatori e acquirenti diventano sempre meno.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneTurchia
Regione

Anatolia Orientale

Altre informazioni

Categorie

Legumi