Furu

Torna all'archivio >

Il furu (V. doniana) è una pianta selvatica che misura tra gli 8 e i 18 metri di altezza e presenta una corteccia ruvida di colore marrone chiaro o bianco-grigiastro. Tra agosto e novembre produce fitti grappoli di fiori dotati di petali bianchi e di un lobo principale di colore viola. Il frutto matura tra gennaio e aprile. Si tratta di drupe dalla buccia di colore verdastro che a maturazione tendono a scurirsi, fin quasi al nero. La polpa è nera, ricca di amido, con semi duri dalla forma conica. Giunto a maturazione, il frutto del furu ha un gusto dolce, vagamente simile a quello della prugna, con una consistenza farinosa.   I metodi di raccolta sono due: il frutto si può spiccare direttamente dal ramo oppure raccogliere da terra, una volta che è caduto per ragioni naturali. La pianta ha inoltre varie proprietà medicamentose: per esempio serve a trattare l’anemia, e la radice si utilizza contro la gonorrea. Le foglie giovani possono venire cotte e consumate come verdura, ma servono anche a preparare salse. La polpa del frutto, dolce e nerastra, si può mangiare cruda o adibire alla preparazione di marmellate. Con il succo si prepara una bevanda, e il frutto bollito è la base dalla quale si ricavano un liquore alcolico e un vino. Anche i semi del frutto risultano commestibili. Il furu è uno dei frutti selvatici più comunemente apprezzati dai membri della tribù Nyamwezi, che ne mangiano in abbondanza tra gennaio e aprile. La gente del posto lo raccoglie per uso personale o lo acquista nei mercati dei dintorni. In seguito all’alterazione o alla scomparsa degli ecosistemi e dei paesaggi caratteristici del territorio, tuttavia, il futuro della pianta e del frutto appare incerto. Le generazioni più giovani, attirate dalla frutta esotica d’importazione più che dagli alimenti tradizionali, stanno perdendo ogni interesse per questo frutto locale.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneTanzania
Regione

Tabora

Altre informazioni

Categorie

Frutta fresca, secca e derivati

Comunità indigena:Nyamwezi