Formaggio in salamoia

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Il branza în saramur (formaggio in salamoia) prende il suo nome dal metodo di conservazione. Nei tempi antichi il formaggio veniva conservato in botti di legno di pino, la cui resina rilasciava un forte aroma. A causa della difficoltà di pulire e mantenere i barili, le botti di legno sono state sostituite progressivamente da vasi di vetro o di plastica. Il formaggio viene preparato direttamente nell’ovile in estate con il latte appena munto prima che si raffreddi. Viene lasciato a cagliare in un barile di legno con caglio naturale di agnello per 25 – 30 minuti. La rottura della cagliata viene effettuata con uno strumento speciale chiamato ‘bârghidu’ e molto delicatamente si procede a separare la cagliata dal siero. Successivamente il composto è appeso in una tela di mussola in modo da far colare il siero. Dopo circa 24 ore il formaggio viene tagliato a fette lasciate all’aria ad asciugare un po’ e messe successivamente in un vaso molto stretto, coperte di salamoia. Il formaggio viene lasciato in salamoia a stagionare e viene consumato nel corso dell’inverno successivo. Il rischio di scomparsa di questo prodotto è dovuto a diversi motivi tra cui il superamento dei metodi tradizionali di caseificazione con caglio naturale e l’abbandono della pastorizia da parte dei giovani.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneRomania
Regione

Transilvania

Altre informazioni

Categorie

Latticini e formaggi