Dolce di scorzonera

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Doce de escorcioneira

La scorzonera è una pianta rustica, spontanea, che cresce soprattutto nei terreni calcarei ed è nota solo nella città di Evora, dove si raccoglieva fino a cinquant’anni fa. Era consumata in tempi antichi (ci sono riferimenti sul suo utilizzo in libri portoghesi di cucina risalenti al secolo XVIII), in forma salata e dolce; tuttavia, l’unico posto nel mondo in cui si trovano ricette di dolci a base di scorzonera è Evora, capoluogo della regione dell’Alentejo. Le radici di questa pianta, scure, lunghe e carnose, erano utilizzate nell’alimentazione umana e nella medicina popolare (nel secolo XIX si hanno testimonianze del suo utilizzo come antidoto alle morsicature da vipera). Usata nelle zuppe o fritta, è senza dubbio più conosciuta in forma dolce, con tracce di ricette che si trovano nei libri delle biblioteche dei conventi della zona. Il dolce di scorzonera si prepara in questo modo: si mettono le radici in una padella sul fuoco con l’aggiunta di zucchero, buccia di limone o di arancia. Si toglie dal fuoco una volta che l’impasto si è ben amalgamato e si mescola fino a farlo asciugare. Una volta indurito, il dolce viene fatto a pezzi e incartato. Questo dolce era il prodotto più famoso della città, al punto che i locali pensavano che il suo nome derivasse dalla parola ‘escursionista’ per l’alto numero di visitatori che venivano a comprare il dolce. Si è perso l’utilizzo di questa pianta circa 50 anni fa, molto probabilmente a causa della modernizzazione delle pratiche agricole, del disinteresse commerciale per la pianta, della concorrenza con la gomma da masticare e altri dolci confezionati introdotti nella regione. Il dolce è ora ricordato con nostalgia solo dagli anziani che l’hanno assaggiato in passato. Le radici della pianta erano successivamente vendute dagli intermediari a piccoli laboratori artigianali dove si producevano dolci (per esempio l’escorcioneira in cristalli), molto apprezzati da adulti e bambini, locali e visitatori, fino a 50 anni fa. Oggi il Convivium Slow Food Alentejo sta promuovendo il suo recupero: alcuni soci e amici hanno destinato una parte del proprio orto a Evora per la semina di questa erba. A Monte do Trigo un piccolo agricoltore la sta coltivando. I territori coinvolti, localizzati nell’Alentejo centrale, sono Monte do Trigo e Portel (a sud-est di Evora), e la città di Evora, dove venivano portate le radici, processate in piccole pasticcerie artigianali e i cui dolci venivano venduti. La scorzonera cresceva spontanea nell’area intorno a Monte do Trigo e Portel. Ci sono ancora persone anziane che hanno conosciuto l’uso della scorzonera e dei dolci a base di questa pianta.

Torna all'archivio >

Territorio

NazionePortogallo
Regione

Évora

Area di produzione:Monte do Trigo e Portel (a sud-est di Evora), e Evora

Altre informazioni

Categorie

Dolci

Segnalato da:Victor Lamberto