Delizia di Vaprio

Torna all'archivio >

Si tratta di una varietà di uva da tavola tradizionale, frutto di un incrocio tra la varietà chiamata bianca di Foster e lo zibibbo di Pantelleria, realizzato nel 1908 dal produttore Luigi Pirovano di Vaprio d’Adda, in provincia di Milano, che mise in vendita le prime barbatelle a inizio ‘900. Registrato come “Incrocio Pirovano 46A”, questo moscatellone ha grappoli di media grandezza (cm. 17-20); acini regolari, ellissoidi, buccia abbastanza pruinosa, spessa e consistente, di colore giallo ambrato o giallo alabastro, polpa carnosa di leggero sapore moscato. Matura tra la fine di agosto e i primi di settembre.

Al tempo ebbe diffusione nel Lazio e in Piemonte, sulle colline tortonesi. Progressivamente la sua produzione venne meno in conseguenza dell’introduzione di varietà più produttive, tra le quali l’uva Italia.

Un produttore, che ha acquistato la residenza e lo stabilimento vitivinicolo dei Pirovano, ha svolto ricerche in tutto l’alto Monferrato e ha rintracciato un produttore di barbatelle che ancora coltivava alcune piante di Delizia di Vaprio. Sono state esaminate e confermate da un tecnico ampelografo. Oggi ne ha messe a dimora alcune nel terreno storico di Vaprio d’Adda.

Oltre alla vigna del piccolo produttore, il comune di Vaprio d’Adda ha realizzato una vigna didattica, inaugurata nel giugno del 2014.

In totale oggi le piante di Delizia di Vaprio in produzione sono 300, ma l’uva di questa varietà storica non si trova in vendita sul mercato, è coltivata solo per autoconsumo.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • Yes   No
Torna all'archivio >

Territorio

NazioneItalia
Regione

Lombardia

Piemonte

Area di produzione:Comune di Vaprio d’Adda (Mi) e colline tortonesi (Al)

Altre informazioni

Categorie

Frutta fresca, secca e derivati

Vino e vitigni

Segnalato da:Carlo Orlandi