Concentrato d’uva Pais

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Il concentrato di uva Pais viene preparato facendo bollire il liquido ottenuto da uve nere Pais. Per ogni 200 litri di succo d’uva si ottengono 60-80 litri di sciroppo. Dopo la raccolta, il frutto viene macinato per estrarne il liquido. Il succo così estratto è versato in un contenitore e portato ad ebollizione per far sì che si riduca, mentre allo stesso tempo si aggiunge altro liquido fino alla fine del procedimento. Il giorno successivo il liquido viene fatto decantare e poi ridurre di nuovo fino a che non raggiunge la consistenza desiderata. È importante raggiungere un buon punto di ebollizione per evitare la fermentazione del liquido. In passato per la preparazione si utilizzavano delle pentole di rame che contenevano dai 100 ai 200 litri, ma adesso questo metodo è caduto in disuso. Lo sciroppo ottenuto può durare per un anno o più. Si consuma quotidianamente, accompagnato da pane, latte o focaccia di granturco, oppure miscelato con dell’addensante per salse; inoltre può essere utilizzato come sostitutivo dello zucchero.   I primi vitigni raggiunsero Concepción e le città di Coelemu e Portezuelo nella valle Itata, nell’area centro occidentale del Cile, intorno al 1560 durante la prima Conquista. La produzione di vino a Itata divenne abbondante per i vini bianchi, rossi e rosati, rendendo l’uva nera Pais molto comune. Il concentrato di uva nacque proprio a seguito di ciò. Si pensa che gli arabi e gli spagnoli furono i primi a praticare la produzione di sciroppo all’inizio dell’undicesimo secolo. Quando questa tradizione fu portata in Cile fu immediatamente accettata dagli abitanti locali, che la preparavano in maniera collettiva durante la raccolta (da marzo ad aprile) per i banchetti della comunità. La sua preparazione rappresenta una tradizione che viene tramandata nelle famiglie da madre a figlia.   Il concentrato di uva Pais non si trova nei mercati normali e solo qualche volta nei mercati informali. Sono poche le persone che ancora lo preparano a causa del lungo procedimento che richiede e del minor uso di pentole di rame che una volta contenevano grandi quantità. Oggi viene prodotto principalmente per uso personale. Inoltre, l’uva Pais ha visto una diminuzione poiché le persone nella valle estirpano i vigneti per coltivare specie esotiche della foresta (come il pino e l’eucalipto). Infine, lo spostamento dei giovani al di fuori della zona significa che lo scambio di saperi tra le generazioni potrebbe presto andar perduto.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneCile
Regione

Bío-Bío

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali