Cipolla di Brunate

Torna all'archivio >

La cipolla di Brunate è un prodotto tipico del territorio comasco. È un bulbo di forma globosa leggermente schiacciata al centro, dal colore bianco e dal profumo intenso e fragrante. La pezzatura è medio piccola: i bulbi hanno un diametro compreso tra 65 e 75 mm, i cipollini, o bulbetti per fare i sottaceti, hanno un diametro di circa 20-25 mm. La cipolla viene seminata nei primi giorni di marzo e ha un ciclo di vegetazione biennale: nel primo anno la pianta forma radici, foglie e bulbo (utilizzato per i cipollotti da sottaceti); nel secondo anno si forma la vera cipolla da consumo, con fiori e semi. I bulbi vengono raccolti a mano intorno alla metà di luglio e fatti asciugare sul terreno per qualche giorno prima di essere messi in commercio e/o consumati.

La coltivazione e la vendita di cipolle sul territorio brunatese sono attività riscontrabili fin dal XVI secolo in diversi testi storici. In questi scritti si legge che gli abitanti del paese erano chiamati “scigulatt” ossia venditori di cipolle, a conferma di quanto questo prodotto agricolo fosse importante nell’economia locale.

La cipolla di Brunate è nota in gastronomia, non solo in quella lombarda, per il suo sapore molto intenso ma delicato. Altra caratteristica è la sua croccantezza. È un tipico alimento delle stagioni fredde, utilizzato come accompagnamento ad altre vivande, tra cui le carni di maiale. La ricetta principale è certamente la zuppa di cipolle, la supa de scigulìtt in dialetto locale, ma non sono da dimenticare il tortino di patate e la luganega con le cipolle. Un’altra ricetta tipica era la “ Fitascetta”, una ciambella rustica di pane condita con cipolle spolverate di zucchero.

La produzione attualmente avviene in prevalenza in ambito familiare e in quantità limitate, con prospettive di maggior diffusione grazie al coinvolgimento di piccole aziende agricole di carattere familiare. Nel 2015 è nata l’associazione Cipolla di Brunate, con l’obiettivo di valorizzare e difendere questo prodotto locale che da sempre ha caratterizzato l’economia rurale del territorio di Brunate. Nel 2016 la cipolla di Brunate è diventata Prodotto Agroalimentare Tradizionale (PAT) della Regione Lombardia.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo
Torna all'archivio >

Territorio

NazioneItalia
Regione

Lombardia

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali

Segnalato da:Andrea Pugnana