Ciliegia Einsiedekirsche di Jois

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Joiser Einsiedekirsche, Joiser Scwarze

Joiser Einsiedekirsche, Joiser Schwarze “Joiser Einsiedekirsche” è il nome vernacolare di una varietà di ciliegia dalla polpa dura e dalle dimensioni piuttosto ridotte. La dicitura “Einsiedekirsche” si riferisce a una vantaggiosa proprietà del frutto: la polpa soda e facilmente separabile dal nocciolo, che fa di questa varietà un ingrediente indicato per la preparazione di composte. La buccia è nera, la polpa rosso scuro, con evidenti venature bianche. Se ne ricava un succo dal colore rosso-marrone. La polpa si separa facilmente dal nocciolo e il gusto risulta piacevolmente speziato, dolce, esaltato da una lieve acidità.   La Joiser Einsiedekirsche è originaria di Jois, uno dei cinque comuni della regione del Leithaberg, rinomata per le sue ciliegie. Nella zona la coltura del ciliegio (Prunus avium) risale al XVIII secolo. Tipicamente l’albero viene impalcato alto e piantato nelle vigne o su terreni agricoli. Questa forma di coltivazione mista, senza altri esempi in Austria, è tipica del Burgenland settentrionale. L’importanza della produzione di ciliegie, per molto tempo la maggiore fonte di introiti nella zona, si evince anche dall’emblema di Jois. Il comune è noto per le sue vigne, eppure lo stemma cittadino si fregia non di acini d’uva, di tre ciliegie. La Genuss-Region (regione di interesse enogastronomico) delle ciliegie del Leithaberg è parte del paesaggio culturale di Fertö/Neusiedlersee, incluso dall’UNESCO nel patrimonio dell’umanità.   Il territorio risulta particolarmente favorevole alla coltura, per cui le ciliegie maturano prima che in qualunque altra parte dell’Austria. I vantaggi naturali sono stati sfruttati alla perfezione piantando soprattutto varietà a maturazione precoce, pronte per il consumo tra la fine di maggio e la metà di giugno. Il raccolto annuale di Joiser Einsiedekirsche è di poche centinaia di chilogrammi. La maggior parte del prodotto viene commercializzata sotto forma di succo, spesso miscelato a quello di altre varietà di ciliegia. La richiesta è bassa, e la coltivazione molto impegnativa.   Un tempo le ciliegie della regione del Leithaberg erano destinate soprattutto alla vendita sui mercati viennesi. Tra le due guerre e nel secondo dopoguerra la coltura della ciliegia ha conosciuto un momento di prosperità economica nella regione. Ciascun comunità poteva vantare dai 10.000 ai 15.000 ciliegi, popolazione che oggi si è ridotta a 5.000 fusti complessivi. Anche il numero dei produttori è calato drasticamente, tanto che oggi esiste un’unica attività commerciale specializzata. Il rischio, nel caso in cui quest’ultima impresa cessasse le attività, è che la Joiser Einsiedekirsche scompaia nel giro di poco tempo.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneAustria
Regione

Burgenland

Area di produzione:Regione del Leithaberg

Altre informazioni

Categorie

Frutta fresca, secca e derivati

Segnalato da:Rosemarie Strohmayer