Chepkilumnda

Torna all'archivio >

Sukuma wiki

Il chepkilumnda è una varietà di cavolo nota con il nome di sukuma wiki in Swahili. Questa varietà cresce fino ad un metro di altezza ed ha foglie verde chiaro dalla forma simile a quella di una palma. Il chepkilumnda viene principalmente coltivato nella zona di Olenguruone nel Kenya sud occidentale e si propaga per talea. Prima che le foglie possano essere raccolte devono passare 3 – 4 mesi. Le foglie sono cotte al vapore e servite con ugali (un piatto simile ad un porridge preparato con diversi tipi di farina), in particolare l’ugali di miglio.   Questa coltivazione è in uso da più di vent’anni, consumata specialmente nel periodo di raccolta, utilizzato come pagamento della dote e servito durante le cerimonie di circoncisione. È principalmente associato alla popolazione Kalenjin. Il chepkilumnda ha livelli acidi molto bassi ed è ideale per le persone che soffrono di ulcera peptica. È una coltivazione associata con la sicurezza alimentare locale per la sua abilità di rimanere nei campi per lunghi periodi e per la sua resistenza alle malattie. Gli agricoltori coltivano questo cavolo sia per il consumo familiare sia per la vendita, ma l’introduzione nella zona di varietà ibride sta minacciando il futuro del chepkilumnda.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • Yes   No
Torna all'archivio >

Territorio

NazioneKenya
Regione

Rift Valley

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali

Comunità indigena:Kalenjin
Arca del GustoI prodotti tradizionali, le razze locali, i saperi raccolti nell'Arca del Gusto appartengono alle comunità che li hanno preservati nel tempo. Sono stati rintracciati e descritti grazie all'impegno della rete che Slow Food ha sviluppato in tutto il mondo con l'obiettivo di conservarli e diffonderne la conoscenza. I testi delle schede possono essere utilizzati, a fini non commerciali, senza modificarne il contenuto e citandone la fonte, ma esclusivamente per scopi coerenti con la filosofia di Slow Food.