Cavolo di Brema

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Bremer Scheerkoh

lI cavolo di Brema un tempo era un prodotto molto comune nell’intera regione ed era diffuso, oltre che a Brema, anche nella Frisia orientale e in Bassa Sassonia. Faceva parte della tradizione culinaria da tempo immemore. Il fatto che fosse più presente a Brema che altrove ha in qualche modo assicurato la sua sopravvivenza. Il cavolo di Brema si è adattato infatti al clima della regione caratterizzato da poche oscillazioni di temperatura durante l’anno e sporadici episodi di gelo inteso. Poiché non è molto resistente al gelo, si semina di solito da febbraio (in serra) a luglio. La raccolta avviene 4 – 8 settimane dopo la semina. Il cavolo di Brema è la prima verdura della regione che si può consumare dopo l’inverno. E’ possibile una semina tardiva a settembre, così può essere raccolto fino ai primi geli intensi. Però purtroppo la semina in autunno ora quasi non esiste più. A causa dell’offerta di verdure importate durante l’intero anno, la verdura fresca e regionale è quasi sparita. Inoltre questo tipo di cavolo si può vendere solo i primi 2/3 giorni dopo la raccolta. Ora sta vivendo una certa rinascita grazie alle attività del convivium di Brema. E’ tornato ad essere una primizia in vendita presso piccoli contadini e fruttivendoli. Il gusto del cavolo di Brema giovane è dolce, ha un sapore tra la rucola e il cavolo riccio. Le foglie e il gambo sono teneri e adatti alle insalate. Le piante più mature hanno un sapore che ricorda la senape e un discreto sapore piccante. In questo stadio è meglio mangiarlo tritato perché le foglie diventano più dure. Il cavolo si può mangiare in insalata, zuppa o anche come secondo. Nelle ricette moderne si usa come impasto per cannelloni, involtini o crèpe.  

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneGermania
Regione

Niedersachsen

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali