Bawiot

Torna all'archivio >

Con il termine coreano bawiot è chiamato un lichene, il quale cresce attaccato alle rocce e in condizioni di mare anche difficili dato che è direttamente condizionato dall’ambiente circostante.
Il bawiot è una fonte nutritiva molto importante che però è difficile da raccogliere e conservare come prodotto fresco, dato che indurisce molto facilmente. Assieme alle alghe, sono i pescatori che raccolgono dalle costiere rocciose questo prodotto che poi viene lasciato essiccare all’aria aperta.
Gli abitanti di Amtae- myeon e Sina- gun sono soliti utilizzare il lichene per preparare una gelatina, conosciuta con il nome di muk. Questo prodotto si realizza partendo dalla materia prima (il bawiot) secca che viene fatta bollire per tre volte in acqua che deve ridursi in volume. Il muk viene filtrato e messo in appositi stampi, per poi essere tagliato una volta raffreddato.
Il bawiot, così come le conoscenze tradizionali legate alla raccolta e alla sua trasformazione, rischia di scomparire a causa dell’inquinamento ambientale che ne sta minacciando l’habitat. Inoltre, il bawiot è sempre più raro da trovare e il suo valore sta aumentando.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo
Torna all'archivio >

Territorio

NazioneCorea del Sud
Regione

Jeollanam-do

Area di produzione:Amtae-myeon, Sinan

Altre informazioni

Categorie

Altro

Segnalato da:Haesuk Shim