Akannakannaka

Torna all'archivio >

I funghi obunnakannaka sono legati ai luoghi in cui vivono le termiti, conosciute localmente come nnaka. Crescono immediatamente dopo l’ultima raccolta delle termiti volanti commestibili e cresce solo nelle aree in cui vengono raccolti questi insetti.

Il fungo akannakannaka ha due parti distinte: il gambo, che contiene anche la lunga radice, e la testa, a cui si fa riferimento localmente come al “cappello”.
Il gambo non è semplice da staccare dalla radice che ha origine nello stesso buco scavato dalle termiti le spore si trovano infatti in profondità nel terreno, nelle aperture create dalle termiti per fuoriuscire e volare via. Dopo la stagione delle termiti, le persone osservano attentamente il terreno in cerca delle crepe create dai giovani funghi che crescono, appena prima di uscire in superficie.
Il gambo (omukonda) è bianco e può crescere fino a cinque centimetri sopra la superficie del terreno. Sostiene delicatamente la testa, di colore rossastro sulla parte superiore e bianco su quella inferiore, suddivisa in piccole membrane delicate. Questo fungo ha una vita molto breve una volta raggiunta la piena maturità.
I bunnakannaka (il nome plurale) si trova prevalentemente nei cespugli, in terreni incolti e ai lati dei sentieri, oltre che nelle piantagioni di banane e, in rari casi, in paludi e stagni. Durante la stagione, le persone si recano in questi luoghi presto la mattina, con l’intento di trovare e raccogliere i funghi.

Hanno numerosi utilizzi in cucina, ad esempio sono cotti al vapore con le banane. A tal fine, i funghi vengono essiccati al sole, ripuliti da eventuale terra residua, avvolti in foglie di banana e cotti al vapore insieme a banane (matooke) o altri alimenti comuni, come la manioca o le patate dolci. Questa tecnica è comune nelle contee di Bulemeezi e Singo dell’Uganda centrale, dove questi funghi hanno un ruolo importante nella società. Questi luoghi sono naturalmente noti come patria delle termiti nnaka.

In alcuni luoghi, i funghi bunnakannaka vengono essiccati e conservati nella case, nella convinzione che il loro odore protegga la casa e i suoi abitanti dagli spiriti cattivi. In altre parti del paese, i bunnakannaka freschi o essiccati sono usati per preparare una zuppa con pasta di arachidi, usando una tecnica chiamata luwombo (ossia cottura all’interno di foglie di banana affumicate).

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo
Torna all'archivio >

Territorio

NazioneUganda
Regione

Luwero

Nakasongola

Altre informazioni

Categorie

Funghi

Segnalato da:Edward Mukiibi