YANAYAKU: LE RADICI DEL CAFFÈ

Un albero di un metro e ottanta pieno di ciliegie rosse, foglie verdi luccicanti e profumo di terra umida. È una sensazione incredibile quella di trovarsi per la prima volta davanti a una pianta di caffè. 

Staccare una ciliegia, estrarre i due chicchi ricoperti di mucillagine, rendersi conto del lento processo che porterà quei semi nelle tazzine di qualcuno in chissà quale parte di mondo. Si viene assaliti da un vortice di emozioni che passano dalla curiosità all’imbarazzo; come è possibile che sappiamo così poco del caffè? Da buoni italiani siamo abituati a berne in gradi quantità, eppure non abbiamo nessuna relazione con le sue origini. 

Da queste piccole riflessioni nasce il nostro progetto “Yanayaku – Le radici del caffè”. Decidiamo di scoprire e raccontare il mondo del caffè in Colombia, una delle terre in cui quest’albero la fa da padrone, popolando le campagne di quasi tutte le regioni. Lo facciamo attraverso un documentario, degli scatti fotografici e degli scritti, che ci aiutano a comporre un puzzle coloratissimo e variegato. 

Scegliamo con cura le 15 esperienze produttive da visitare durante il nostro viaggio di 5000 km in due mesi. Partiamo dal sud del Paese, dove siamo di casa, al confine con l’Ecuador, per raggiungere le calde coste caraibiche e tornare indietro passando per l’entroterra. Ad ogni tappa le famiglie e le organizzazioni che abbiamo contattato ci accolgono, accompagnano e raccontano del loro impegno quotidiano, tanto a livello produttivo quanto sociale. 

Sono nuclei familiari, cooperative, gruppi di donne, comunità indigene, persone la cui vita è sempre ruotata intorno al caffè, per le quali il caffè è lavoro, scelta, speranza e motore quotidiano. 

Grazie alle loro esperienze riusciamo a comprendere l’importanza di parlare di questo prodotto collegandolo anche ad altri temi: sostenibilità ambientale, difesa dei diritti umani, guerra e spiritualità. Questi i giganteschi argomenti che cerchiamo di snocciolare con i nostri interlocutori. 

La Colombia è il secondo Paese più biodiverso del mondo, una biodiversità che si declina in differenti climi, habitat naturali, innumerevoli specie di flora e fauna ma anche di diverse culture, tradizioni, gastronomiche sono difficili da riassumere ma interessantissimi da scoprire e cercare di mettere insieme. In più, un conflitto interno, che dura ormai da 60 anni, divide e addolora costantemente gli abitanti di questa terra, stanchi di vivere in un clima di violenza e tensione. 

Abbiamo l’opportunità di visitare alcune delle zone più difficili in questo senso, dialogando con chi fa della resistenza e del caffè una strada pacifica per dimostrare che con la nonviolenza e la legalità si vive decisamente meglio. Sono ancora troppo pochi gli incentivi per percorrere queste strade; le comunità rurali sono tantissime volte dimenticate e abbandonate, senza un piano politico e sociale che le valorizzi e protegga.

Sono tantissime le variabili che vanno considerate per produrre un buon caffè: la qualità del suolo, l’acqua utilizzata, il posto in cui lo si fa essiccare, la biodiversità nella piantagione, un’attenta raccolta, la cura nel trasporto, la tostatura, la macinatura e infine la preparazione. Raccontiamo ogni singolo processo con le immagini che abbiamo raccolto durante il viaggio e negli anni a seguire, decidendo di fare della Colombia casa e del caffè una missione. 

Yanayaku nasce quindi come documentario nel 2019 e piano piano diventa un sogno che coinvolge produttori colombiani e una comunità di consumatori interessati a capirne di più, che vuole degustare una bevanda sana ed etica e che cerca un rapporto più diretto con chi la produce. Siamo orgogliose di aver portato dall’altra parte dell’oceano questi caffè speciali, ricchi di gusti e di storie.

Viviamo in un’epoca in cui le nostre scelte alimentari coincidono con le nostre scelte politiche. Alimentarsi consapevolmente significa prendersi cura del nostro Pianeta, prendersi cura di se stessi e di tutte le persone che lavorano nella filiera agroalimentare. Questi i valori che ci muovono e ci motivano a lavorare con il caffè e per il caffè. 

Per leggere e guardare le nostre storie, degustare i nostri Specialty Coffee ed appoggiare il nostro progetto, vi invitiamo a visitare i nostri canali social, come la nostra pagina Facebook, la nostra pagina Instagram e il nostro sito web.

Que viva el café!

Torna all'archivio