Vin de rosa

Presidio Slow Food

Croazia

Vino e vitigni

Torna all'archivio >
Vin de rosa

Il Vin de rosa è un vino aromatico da dessert ottenuto da uve passite e poi torchiate: un vino dolce dal caratteristico profumo di rosa da cui deriva il nome.
L’area di produzione comprende l’estremità meridionale della penisola dell’Istria, caratterizzata da suoli e rilievi che garantiscono ottime condizioni per la coltivazione della vite. La penisola è bagnata dal caldo Mar Adriatico, favorendo un clima mediterraneo.
La più antica menzione conosciuta del Vin de rosa è del poeta e scrittore italiano Gabriele D’Annunzio, che nel suo racconto “Il martirio di Gianluca” del 1886 parla dei marinai che navigavano le coste dell’Istria: “Alcuni addirittura ricordavano con affetto il vino di Dignano, che ha profumo di rose, e il frutto dell’isola.” In altri documenti storici, si sottolinea la sua importanza nello scandire momenti della storia personale e collettiva dei dignanesi: tradizionalmente era consumato solo nelle occasioni importanti come matrimoni e nascite, a Natale o a Pasqua. È ancora comune regalare ai bambini una bottiglia di Vin de rosa in occasione della loro nascita, che spesso sarà aperta al loro matrimonio. In alcuni casi la bottiglia è murata fino a questa occasione, quando il muro sarà demolito e la bottiglia bevuta in compagnia.
Il Vin de rosa può essere ottenuto da uve appassite di diverse varietà: Malvasia Istriana, Moscato rosato, Moscato bianco e Moscato giallo, in purezza o in blend.
La coltivazione è totalmente in asciutta: non è prevista irrigazione, ma il suolo è sottoposto a due lavorazioni annuali per l’eliminazione della flora spontanea che determinerebbe competizione di acqua e minerali. Tutte le operazioni colturali dall’eventuale diradamento, alla potatura invernale sono effettuate a mano. La nutrizione minerale è effettuata esclusivamente con letame ben maturo proveniente da aziende del territorio.
La vendemmia è effettuata a settembre e per produrre il Vin de rosa si sceglie il fiore della vendemmia, i grappoli più sani con le bacche più rade, che sono sistemati in cassette e poi su graticci ad appassire in ambienti arieggiati per un periodo di circa tre mesi. Quando i grappoli hanno perso oltre il 50% del loro peso, le uve si pigiano nell’apposito strucolo, il torchio, e il mosto ricavato è messo in damigiane per estrarre i sentori e i profumi tipici del vino attraverso una lenta fermentazione. Passato un anno, questo è filtrato e imbottigliato, per continuare a evolvere in bottiglia. L’imbottigliamento del Vin de rosa è fatto prima di Natale per concludere bene l’anno e iniziare quello nuovo con i migliori auspici.
Il colore varia da diverse tonalità di ambra con riflessi giallo oro, passando per il rosa fino al rosso rubino con riflessi rosso mattone. Il profumo è complesso, stratificato, dominante di frutta secca, seguito da noce moscata, floreale, miele, cioccolato, caramello e note di nocciola.

Torna all'archivio >
Il Presidio del Vin de rosa nasce dalla collaborazione con la Comunità Slow Food di Dignano che si è formata nel 2019. Questo Presidio mira a salvaguardare questo vino dolce, prodotto da quasi tutte le famiglie della zona, ma raramente in vendita. Questo prodotto tradizionale è però ad oggi a rischio di estinzione, poiché le giovani generazioni stanno abbandonando questa zona per trasferirsi in città più grandi, perdendo il legame con la vigna. La zona ha un’alta vocazione turistica e il Vin de rosa potrebbe aumentare il potenziale mercato dei produttori. Il Presidio è un'opportunità per valorizzare il vino e i viticoltori, per dare visibilità al progetto e per ispirare altri produttori ad unirsi alla salvaguardia di questo prodotto unico. Nel disciplinare redatto dai viticoltori sono inserite regole rigide inerenti alle pratiche colturali, in modo da preservare la salubrità del territorio: per la difesa è consentito solo l’uso di prodotti ammessi nei disciplinari di agricoltura biologica e in nessun caso è ammesso il diserbo chimico.

Area di produzione
Frazioni di Peroj e Galižana del comune di Dignano e comune di Fasana – Istria meridionale.

Supportato da
Fondo di Beneficienza Intesa Sanpaolo – progetto “Slow Food in azione: i giovani e il futuro del sistema alimentare in Croazia”

Unione Europea – Programma LIFE
Azienda Agricola Andrea Sgagliardi 
Vladimir Nazor, 25
52215 Vodnjan-Dignano
+385 993316302
sgagliardi.andrea@gmail.com

Azienda agricola Burin
Di Lorenzo Biasiol
Via G. Andrea della Zonca, 25/A
52215 Vodnjan-Dignano
+385 998438209
biasiollorenzo@gmail.com

Azienda Agricola Lucio Toffetti
Via del Mulino, 1
52215 Vodnjan-Dignano
+385 998438209
opgtoffetti@gmail.com

Edi Pastrovicchio
Via Paolo Veneziano, 12
52215 Vodnjan-Dignano
+385 915723289
edipast@gmail.com

Azienda Agricola Moscarda Matteo
Veli Vrh, 40
52216 Galižana
+385 989612443
matteomoscarda@gmail.com
www.vinababos.com

Azienda Agricola Dario Vitasovic
Di Izabela Vitasovic
Istarska, 99
52215 Vodnjan-Dignano
+385 994566224
Izabela.vitasovic@gmail.com
www.teraboto.com.hr
Referente dei produttori
Dino Babić
+385 99 251 1173
dino.babic@gmail.com

Referente Slow Food
Denis Sgagliardi
+385994320481
denis.sgagliardi2@gmail.com
Il Presidio del Vin de rosa nasce dalla collaborazione con la Comunità Slow Food di Dignano che si è formata nel 2019. Questo Presidio mira a salvaguardare questo vino dolce, prodotto da quasi tutte le famiglie della zona, ma raramente in vendita. Questo prodotto tradizionale è però ad oggi a rischio di estinzione, poiché le giovani generazioni stanno abbandonando questa zona per trasferirsi in città più grandi, perdendo il legame con la vigna. La zona ha un’alta vocazione turistica e il Vin de rosa potrebbe aumentare il potenziale mercato dei produttori. Il Presidio è un'opportunità per valorizzare il vino e i viticoltori, per dare visibilità al progetto e per ispirare altri produttori ad unirsi alla salvaguardia di questo prodotto unico. Nel disciplinare redatto dai viticoltori sono inserite regole rigide inerenti alle pratiche colturali, in modo da preservare la salubrità del territorio: per la difesa è consentito solo l’uso di prodotti ammessi nei disciplinari di agricoltura biologica e in nessun caso è ammesso il diserbo chimico.

Area di produzione
Frazioni di Peroj e Galižana del comune di Dignano e comune di Fasana – Istria meridionale.

Supportato da
Fondo di Beneficienza Intesa Sanpaolo – progetto “Slow Food in azione: i giovani e il futuro del sistema alimentare in Croazia”

Unione Europea – Programma LIFE
Azienda Agricola Andrea Sgagliardi 
Vladimir Nazor, 25
52215 Vodnjan-Dignano
+385 993316302
sgagliardi.andrea@gmail.com

Azienda agricola Burin
Di Lorenzo Biasiol
Via G. Andrea della Zonca, 25/A
52215 Vodnjan-Dignano
+385 998438209
biasiollorenzo@gmail.com

Azienda Agricola Lucio Toffetti
Via del Mulino, 1
52215 Vodnjan-Dignano
+385 998438209
opgtoffetti@gmail.com

Edi Pastrovicchio
Via Paolo Veneziano, 12
52215 Vodnjan-Dignano
+385 915723289
edipast@gmail.com

Azienda Agricola Moscarda Matteo
Veli Vrh, 40
52216 Galižana
+385 989612443
matteomoscarda@gmail.com
www.vinababos.com

Azienda Agricola Dario Vitasovic
Di Izabela Vitasovic
Istarska, 99
52215 Vodnjan-Dignano
+385 994566224
Izabela.vitasovic@gmail.com
www.teraboto.com.hr
Referente dei produttori
Dino Babić
+385 99 251 1173
dino.babic@gmail.com

Referente Slow Food
Denis Sgagliardi
+385994320481
denis.sgagliardi2@gmail.com

Territorio

NazioneCroazia

Altre informazioni

CategorieVino e vitigni