Pomodorino di Manduria

Italia

Puglia

Ortaggi e conserve vegetali

Torna all'archivio >

Manduria si trova nel Salento settentrionale e il suo nome rimanda a uno dei vini più famosi della Puglia, il Primitivo di Manduria, appunto. Ma non è solo una terra di grandi vini. Qui si coltivano anche ottimi ortaggi e tra questi, un pomodoro piccolo, ovale, che ha buccia liscia e sottile, colore rosso vivo e, spesso, una piccola punta alla base.
La semina del pomodorino di Manduria inizia a fine febbraio, se i terreni sono in prossimità della fascia costiera, mentre nell’entroterra si sposta a marzo, nel periodo della tradizionale fiera Pessima, che si svolge da due secoli la seconda settimana del mese (l’origine del nome curioso di questo evento non è certa, secondo alcune fonti sarebbe legato alle condizioni metereologiche spesso inclementi di quest’epoca). La coltivazione è manuale, non prevede irrigazione ed esclude trattamenti chimici (secondo le regole dell’agricoltura biologica). La raccolta inizia nel periodo di Sant’Antonio (13 giugno) e dura fino alla fine di luglio. Con i frutti più maturi si prepara la passata. Alcune famiglie – nel mese di agosto – lasciano appassire i pomodori su graticci di canne. Dai pomodori del primo palco – ossia i frutti migliori, che si trovano alla base della pianta – si recuperano i semi per la stagione successiva.
Tradizionalmente il pomodorino di Manduria si mangia fresco insieme al carosello, un cetriolo tipico della zona o nella “jatedda”, un’insalata estiva a base di pomodorini freschi, aglio, olio, sale, capperi e origano con cui si condiscono le friselle (pane biscottato).

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo

Stagionalità

I pomodori freschi si trovano da metà giugno a fine luglio; la passata è reperibile tutto l’anno.

Torna all'archivio >
Il pomodoro di Manduria ha una resa bassa rispetto agli ibridi commerciali e richiede molto lavoro. Per questa ragione, nonostante le ottime caratteristiche organolettiche (sia fresco sia trasformato), è stato via via abbandonato e sostituito da coltivazioni intensive. Il seme è stato rintracciato grazie ad alcuni agricoltori anziani, che lo avevano gelosamente custodito, e ora il Presidio coinvolge anche alcuni giovani produttori, tutti certificati bio.
Il Presidio è nato nell’ambito del progetto C.A.P. Salento, finanziato da Fondazione per il Sud. L’obiettivo è salvare questa varietà, coinvolgendo nuovi produttori e stimolando soprattutto il mercato locale, attraverso il coinvolgimento della ristorazione.

Area di produzione
Comune di Manduria

Presidio realizzato nell’ambito di
Progetto C.A.P. Salento

Sostenuto da
Fondazione per il Sud

Responsabile Slow Food del Presidio
Adriana Dilauro
Tel. 3206732913
adrianadilauro88@gmail.com
Il pomodoro di Manduria ha una resa bassa rispetto agli ibridi commerciali e richiede molto lavoro. Per questa ragione, nonostante le ottime caratteristiche organolettiche (sia fresco sia trasformato), è stato via via abbandonato e sostituito da coltivazioni intensive. Il seme è stato rintracciato grazie ad alcuni agricoltori anziani, che lo avevano gelosamente custodito, e ora il Presidio coinvolge anche alcuni giovani produttori, tutti certificati bio.
Il Presidio è nato nell’ambito del progetto C.A.P. Salento, finanziato da Fondazione per il Sud. L’obiettivo è salvare questa varietà, coinvolgendo nuovi produttori e stimolando soprattutto il mercato locale, attraverso il coinvolgimento della ristorazione.

Area di produzione
Comune di Manduria

Presidio realizzato nell’ambito di
Progetto C.A.P. Salento

Sostenuto da
Fondazione per il Sud

Responsabile Slow Food del Presidio
Adriana Dilauro
Tel. 3206732913
adrianadilauro88@gmail.com

Territorio

NazioneItalia
RegionePuglia

Altre informazioni

CategorieOrtaggi e conserve vegetali