Pollo bigawi

Presidio Slow Food

Egitto

Giza

Razze animali e allevamento

Torna all'archivio >
Pollo bigawi

Il nome del pollo bigawi deriva da una tribù del sud dell’Egitto, nota per l’attività di commercializzazione degli animali. E’ una razza molto rustica, con piume di colore bianco argenteo intorno alla testa, macchie blu o nere fino alla coda e zampe scure. Il becco è grigio, gli occhi sono castano scuro e la cresta è rossa. Il collo dei galli è più lungo e bianco rispetto a quello delle galline, di colore grigio.
Il bigawi è noto sia per la carne – scura e dal gusto simile a quella di tacchino – sia per le uova, leggermente più piccole rispetto ad altre razze, ma particolarmente saporite (la leggenda vuole che abbiano addirittura proprietà afrodisiache…). La pelle è delicata e non grassa.
Questo pollo era allevato tradizionalmente dalle famiglie nei giardini dell’oasi del Fayoum, a sud del Cairo, ed era famoso per la resistenza alle malattie e per altre caratteristiche di rusticità.
Il bigawi è protagonista di un’antica tradizione egiziana. Si tratta dello Sham El Nessim, un festival di primavera, durante il quale le famiglie si riuniscono per colorare il guscio delle uova e poi mangiarle insieme. Le uova, infatti, simboleggiano la fertilità, la crescita e l’annuncio della nuova stagione.

Torna all'archivio >
Il Presidio è stato avviato nel 2014 grazie al progetto Nawaya, un gruppo di giovani egiziani impegnati nella difesa della produzione agricola di piccola scala, che collabora anche allo sviluppo dei 10.000 orti in Africa e dell’Arca del Gusto egiziana.
Il pollo bigawi è una razza a rischio di estinzione perché è meno produttiva degli ibridi, ed è stata identificata proprio nell’ambito della ricerca di prodotti dell’Arca.
Le uova, la carne e i pulcini si possono trovare sui mercati locali ma, nella maggioranza dei casi, sono destinati al consumo familiare.
Il Presidio lavora per salvare e promuovere questa razza sconosciuta, mettendo in relazione produttori e consumatori tramite eventi e varie iniziative di comunicazione.

Area di produzione
Oasi del Fayoum e area agricola di Sakkara

Presidio sostenuto da
Drosos Foundation
10 allevatori
Responsabile del Presidio
Adel Salam
adelsalam1@gmail.com
Il Presidio è stato avviato nel 2014 grazie al progetto Nawaya, un gruppo di giovani egiziani impegnati nella difesa della produzione agricola di piccola scala, che collabora anche allo sviluppo dei 10.000 orti in Africa e dell’Arca del Gusto egiziana.
Il pollo bigawi è una razza a rischio di estinzione perché è meno produttiva degli ibridi, ed è stata identificata proprio nell’ambito della ricerca di prodotti dell’Arca.
Le uova, la carne e i pulcini si possono trovare sui mercati locali ma, nella maggioranza dei casi, sono destinati al consumo familiare.
Il Presidio lavora per salvare e promuovere questa razza sconosciuta, mettendo in relazione produttori e consumatori tramite eventi e varie iniziative di comunicazione.

Area di produzione
Oasi del Fayoum e area agricola di Sakkara

Presidio sostenuto da
Drosos Foundation
10 allevatori
Responsabile del Presidio
Adel Salam
adelsalam1@gmail.com

Territorio

NazioneEgitto
RegioneGiza

Altre informazioni

CategorieRazze animali e allevamento