Pero misso della Lessinia

Italia

Veneto

Frutta fresca, secca e derivati

Torna all'archivio >
Pero misso della Lessinia

In Lessinia ne sono rimasti circa 200 alberi, nella Valpantena, nella valle di Mezzane e di Illasi, ma soprattutto nell’alta Valpolicella, tra i 500 e i 900 metri di altitudine. Nella parte alta del comune di Marano di Valpolicella, un albero vecchio di oltre due secoli – detto pero Marchesini, dal cognome del proprietario del fondo – è stato inserito fra i Patriarchi Vegetali d’Italia perchè la sua età supera i 200 anni. Le altre piante sono sparse, singole o in piccoli gruppi nei comuni di Fumane, San Mauro di Saline, Grezzana, Sant’Anna d’Alfaedo, Negrar.
Questa varietà di pero veronese è citata su "La Pomona Italiana", un compendio di immagini e descrizioni di alberi fruttiferi realizzata dall’agronomo Giorgio Gallesio tra il 1817 e 1839, e nell’ "Inchiesta sulle condizioni delle classi rurali del Regno", nota col nome del relatore, Stefano Jacini, del 1884. Il nome in dialetto veronese misso, indica un frutto sovramaturato e quindi di colore scuro e consistenza molle, infatti è così che si presenta questa varietà di pero al momento ideale di consumo, agli inizi di novembre.
Alla raccolta le pere medio-piccole, hanno una colorazione di fondo verde e un leggero sovra colore rosso, la polpa bianca è granulosa, con sclereidi – piccoli granuli più duri, tipici delle vecchie varietà di pero – diffusi.
La particolarità di questo varietà di pero è data dal fatto che, per essere consumato, deve prima subire un processo di ammezzimento (come si usa fare per i cachi, le mele cotogne, le giuggiole e altri frutti). Si tratta di un procedimento di maturazione dei frutti, dopo la raccolta, che ne determina un cambiamento di consistenza, colore e sapore rendendoli appetibili. I frutti si raccolgono acerbi e sono riposti, ben distanziati l’uno dall’altro, su un vassoio di cartone o in una cassetta di legno. Il luogo di conservazione deve essere asciutto e buio, e lì rimangono per circa un mese, fino a che non avranno raggiunto la giusta maturazione. In questo modo si elimina il tipico effetto astringente al palato provocato dall’elevato contenuto di tannini che, durante l’ammezzimento, diminuiscono, mentre sale il contenuto in zuccheri. Dosando temperature e tempi di ammezzimento si possono conservare i frutti anche per quattro mesi, distribuendo nel tempo il consumo.
Dopo la sovramaturazione la buccia assume un colore marrone scuro, come la polpa, la quale però rimane consistente e non si rammollisce come nelle varietà attuali di pero. Con il pero misso – detto anche missaoro – si producono ottimi dolci, marmellate, succhi, distillati, sidro.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • Yes   No

Stagionalità

Il frutto è disponibile per il consumo dai primi di novembre fino a febbraio, trasformato invece è disponibile tutto l'anno.

Torna all'archivio >
Nell'800 il pero misso rivestiva una grande importanza sul mercato frutticolo del Nord Est e non solo, fino a 40 anni fa veniva venduto sul mercato all'ingrosso di Verona e anche nel mercato in Piazza delle Erbe. Oggi si può trovare solo in piccole aziende agricole montane, oppure alle fiere paesane dei comuni della Lessinia (come ad esempio a ottobre alla fiera del Rosario di Breonio, nel comune di Fumane). Il Dipartimento di Agronomia e Produzioni Vegetali della Facoltà di Agraria di Padova, in collaborazione con l'Istituto sperimentale di frutticoltura Veronese, ha avviato negli anni scorsi con alcuni coltivatori un progetto di recupero di questa varietà dal quale è nato poi il Presidio.
I coltivatori aderiscono all'associazione "Antica Terra Gentile", un'associazione culturale nata per promuovere il metodo biologico nella produzione agricola e per la custodia della biodiversità agroalimentare, naturale e originaria della montagna veronese, ma anche per la difesa del territorio e per ripristinare lo spirito originario delle comunità rurali alpine.

Area di produzione
Comuni della Lessinia (provincia di Verona)

Domenico Fasoli
Sant'Anna d'Alfaedo (Vr)
località Cerna
Via Maso, 15 a
Tel. 045 7545055 - 349 6147771
domefasoli@gmail.com

Girotto di Roberto Marchesini
Marano di Valpolicella (Vr)
Località Girotto
tel. 045 7755350- 330 366338
girotto.roberto@libero.it

Costantino Angelo Tommasi
Sant' Anna d' Alfaedo (VR)
Località Cerna
Via Calserega 1
tel. 3406797225
angelotommasi@lite.it
Referente dei produttori del Presidio
Roberto Marchesini
tel. 330 366338
girotto.roberto@libero.it

Responsabili Slow Food del Presidio
Antonella Bampa
tel. 346 7298276
condottaslowfoodverona@hotmail.it

Stefano Iseppi
tel. 380 7060234
stefano.iseppi@hotmail.com
Nell'800 il pero misso rivestiva una grande importanza sul mercato frutticolo del Nord Est e non solo, fino a 40 anni fa veniva venduto sul mercato all'ingrosso di Verona e anche nel mercato in Piazza delle Erbe. Oggi si può trovare solo in piccole aziende agricole montane, oppure alle fiere paesane dei comuni della Lessinia (come ad esempio a ottobre alla fiera del Rosario di Breonio, nel comune di Fumane). Il Dipartimento di Agronomia e Produzioni Vegetali della Facoltà di Agraria di Padova, in collaborazione con l'Istituto sperimentale di frutticoltura Veronese, ha avviato negli anni scorsi con alcuni coltivatori un progetto di recupero di questa varietà dal quale è nato poi il Presidio.
I coltivatori aderiscono all'associazione "Antica Terra Gentile", un'associazione culturale nata per promuovere il metodo biologico nella produzione agricola e per la custodia della biodiversità agroalimentare, naturale e originaria della montagna veronese, ma anche per la difesa del territorio e per ripristinare lo spirito originario delle comunità rurali alpine.

Area di produzione
Comuni della Lessinia (provincia di Verona)

Domenico Fasoli
Sant'Anna d'Alfaedo (Vr)
località Cerna
Via Maso, 15 a
Tel. 045 7545055 - 349 6147771
domefasoli@gmail.com

Girotto di Roberto Marchesini
Marano di Valpolicella (Vr)
Località Girotto
tel. 045 7755350- 330 366338
girotto.roberto@libero.it

Costantino Angelo Tommasi
Sant' Anna d' Alfaedo (VR)
Località Cerna
Via Calserega 1
tel. 3406797225
angelotommasi@lite.it
Referente dei produttori del Presidio
Roberto Marchesini
tel. 330 366338
girotto.roberto@libero.it

Responsabili Slow Food del Presidio
Antonella Bampa
tel. 346 7298276
condottaslowfoodverona@hotmail.it

Stefano Iseppi
tel. 380 7060234
stefano.iseppi@hotmail.com