Pere Klotzen dell’Alpe Adria

Presidio Slow Food

Italia

Friuli Venezia Giulia

Frutta fresca, secca e derivati

Torna all'archivio >
Pere Klotzen dell’Alpe Adria

In Carnia è chiamato “Per Martin”, in Carinzia “Klotzen” o “Doerrbirne”, mentre nelle vallate slovene, lungo il confine orientale italiano, è conosciuto con il nome di “Tepka”. Probabilmente non si tratta di un’unica varietà, ma di una popolazione di peri che si è adattata alla zona montuosa al confine tra Italia, Austria e Slovenia.
Tra questi troviamo il Pyrus nivalis “pero delle nevi”, che si distingue per il fogliame dal colore leggermente argenteo dovuto alla presenza di tomento (peluria) nella pagina inferiore delle foglie giovani, e il Pyrus communis “pero comune” le cui foglie hanno un colore verde intenso. I fiori sono piccoli e bianchi, anche i frutti sono piuttosto piccoli e di forma arrotondata; si possono mangiare solo dopo averli fatti ammezzire, un procedimento di maturazione dei frutti, successivo alla raccolta, che ne determina un cambiamento di consistenza, colore e sapore. L’ammezzimento prevede che le pere, una volta raccolte, siano riposte, ben distanziate l’una dall’altra, in cassette di legno e sistemate in un luogo asciutto e buio. Qui riposano per un mese circa, fino a che non avranno raggiunto la giusta maturazione. La buccia assume un colore marrone scuro, come la polpa, che rimane consistente e zuccherina. Questo processo elimina il tipico effetto astringente provocato dall’elevato contenuto di tannini che, durante l’ammezzimento, diminuiscono. Dosando temperature e tempi si possono conservare i frutti a lungo.
Una volta completato questo procedimento le pere possono essere essiccate. Un tempo si usava il calore delle “stube”: la maiolica, con cui erano costruite, permetteva di mantenere un calore costante e prolungato. In alternativa si usavano appositi essiccatori a legna in cui le pere venivano riposte in graticci per l’asciugatura. Studi sugli antichi sistemi di essicazione sono ancora in corso nelle vallate austriache del Gailtal e della Valcanale. Quale sia il sistema, l’importante è che permetta di sviluppare un calore in grado di raggiungere il cuore del frutto, poiché la pera viene essiccata intera e non a fette.
La pera essiccata può essere consumata tal quale oppure ridotta in farina o sminuzzata per la produzione del pane di pere. Fatta rinvenire in acqua la polpa della pera diventa l’ingrediente principale dei klotzennudeln o cjarsons, ravioli ripieni di pera e ricotta. Nelle valli è ancora viva la produzione di succo, sidro, distillato e liquori a base di pere klozen.

Stagionalità

I derivati di pera Klotzen si trovano in commercio tutto l’anno

Torna all'archivio >
Nella zona in cui si incrociano i confini del Friuli, della Carinzia e della Slovenia sopravvivono pochi esemplari di pero. Non esistono veri e propri impianti, gli alberi rimasti si trovano all’interno dei terreni di aziende agricole o in prati incolti. A Camporosso, a fine ’800, durante i lavori di costruzione della linea ferroviaria, è stato realizzato un viale alberato con gli alberi di pero, che si possono ancora ammirare a distanza di più di un secolo.
Il Presidio ha l’obiettivo di salvaguardare questa biodiversità attraverso un’opera di censimento, catalogazione e protezione delle piante ancora esistenti, lavorando al contempo per la messa a dimora di nuovi impianti. Si pone inoltre l’obiettivo di trasformare il prodotto fresco con la produzione di trasformati quali: pere secche (da usare come ripieno per klotzennudeln o cjarsons), sidro, liquori e distillati, puntando su uno sviluppo economico del territorio che leghi tradizione, paesaggio e turismo sostenibile.

Area di produzione
In Italia: comuni di Tarvisio, Malborghetto-Valbruna, Pontebba, Dogna, Chiusaforte, Resiutta, Resia, Moggio Udinese.
In Austria: comuni di Dellach, Gitschtal, Arnoldstein, St.Stefan im Gailtal, Kirchbach, Koetschach-Mauthen, Hermagor-Pressegersee

Supportato da
Friuli Venezia Giulia
Luigi Faleschini
Pontebba
via Zardini, 15
tel. +39 392 5011119
faleschinibio@gmail.com

Leopold Feichtinger
Hermagor
Krass 2, 9620
tel. +43 699 10778746
leopold.feichtinger@gmx.at

Alfredo Domenig
Malborghetto-Valbruna
via Officine, 19
tel. +39 327 3609802
alfredodomenig@gmail.com

Marino Ambrosino
Venzone
via Pontebbana, 40/1
tel. +39 347 5148974
marinoambrosino@libero.it

Michele Kovatsch
Pontebba
via Mazzini, 58A
tel. +39 328 4582827
miki.kovatsch@gmail.com

Marisa Piussi
Malborghetto-Valbruna
Via Emilio Comici, 8
Tel. +39 393 4185381
info@agriturismopratioitzinger.it

Irene Pittino e Fabio Tschurwald
Dogna
Via Roma, 60
Tel. +39 333 6930282
iri.piri@virgilio.it

Noemi Filippini
Tarvisio
Via Giuseppe Parini, 1
Tel. +39 366 4310 117
noemifilippini96@gmail.com
Referente dei produttori
Per l’Italia
Luigi Faleschini
Tel. +39 392 5011119
faleschinibio@gmail.com

Per L’Austria
Leopold Feichtinger
Tel. +43 699 10778746
leopold.feichtinger@gmx.at

Referente Slow Food
Filippo Bier
tel. +39 335 6789205
fibier@tim.it
Nella zona in cui si incrociano i confini del Friuli, della Carinzia e della Slovenia sopravvivono pochi esemplari di pero. Non esistono veri e propri impianti, gli alberi rimasti si trovano all’interno dei terreni di aziende agricole o in prati incolti. A Camporosso, a fine ’800, durante i lavori di costruzione della linea ferroviaria, è stato realizzato un viale alberato con gli alberi di pero, che si possono ancora ammirare a distanza di più di un secolo.
Il Presidio ha l’obiettivo di salvaguardare questa biodiversità attraverso un’opera di censimento, catalogazione e protezione delle piante ancora esistenti, lavorando al contempo per la messa a dimora di nuovi impianti. Si pone inoltre l’obiettivo di trasformare il prodotto fresco con la produzione di trasformati quali: pere secche (da usare come ripieno per klotzennudeln o cjarsons), sidro, liquori e distillati, puntando su uno sviluppo economico del territorio che leghi tradizione, paesaggio e turismo sostenibile.

Area di produzione
In Italia: comuni di Tarvisio, Malborghetto-Valbruna, Pontebba, Dogna, Chiusaforte, Resiutta, Resia, Moggio Udinese.
In Austria: comuni di Dellach, Gitschtal, Arnoldstein, St.Stefan im Gailtal, Kirchbach, Koetschach-Mauthen, Hermagor-Pressegersee

Supportato da
Friuli Venezia Giulia
Luigi Faleschini
Pontebba
via Zardini, 15
tel. +39 392 5011119
faleschinibio@gmail.com

Leopold Feichtinger
Hermagor
Krass 2, 9620
tel. +43 699 10778746
leopold.feichtinger@gmx.at

Alfredo Domenig
Malborghetto-Valbruna
via Officine, 19
tel. +39 327 3609802
alfredodomenig@gmail.com

Marino Ambrosino
Venzone
via Pontebbana, 40/1
tel. +39 347 5148974
marinoambrosino@libero.it

Michele Kovatsch
Pontebba
via Mazzini, 58A
tel. +39 328 4582827
miki.kovatsch@gmail.com

Marisa Piussi
Malborghetto-Valbruna
Via Emilio Comici, 8
Tel. +39 393 4185381
info@agriturismopratioitzinger.it

Irene Pittino e Fabio Tschurwald
Dogna
Via Roma, 60
Tel. +39 333 6930282
iri.piri@virgilio.it

Noemi Filippini
Tarvisio
Via Giuseppe Parini, 1
Tel. +39 366 4310 117
noemifilippini96@gmail.com
Referente dei produttori
Per l’Italia
Luigi Faleschini
Tel. +39 392 5011119
faleschinibio@gmail.com

Per L’Austria
Leopold Feichtinger
Tel. +43 699 10778746
leopold.feichtinger@gmx.at

Referente Slow Food
Filippo Bier
tel. +39 335 6789205
fibier@tim.it

Territorio

NazioneItalia
RegioneFriuli Venezia Giulia

Altre informazioni

CategorieFrutta fresca, secca e derivati