Peperone di Voghera

Presidio Slow Food

Italia

Lombardia

Piemonte

Ortaggi e conserve vegetali

Torna all'archivio >
Peperone di Voghera

Il peperone di Voghera ha forma cubica e quattro coste, a volte tre, e una di queste può essere un po’ più alta e uncinata. A piena maturazione, il colore è giallo, quasi arancione, ma è ottimo già qualche giorno prima, quando è verde chiaro. La buccia è sottile e la polpa è carnosa, consistente, poco acquosa, di sapore dolce e delicato, anche se può presentare note piccanti.
L’area lungo gli argini del Po, tra le province di Pavia e Alessandria, e in particolare il comune di Voghera, era nota per la coltivazione del peperone soprattutto negli anni dal 1920 al 1950. All’epoca, i terreni fertili, argillosi e ricchi di canali oltre il torrente Staffora, nella zona orientale di Voghera, erano ricoperti da orti e il mercato ortofrutticolo della città rappresentava il principale mercato di questo ortaggio. Apprezzato per la sua dolcezza, digeribilità e trasformazione in sottaceti, il peperone di Voghera ha avuto un importante sviluppo sul mercato non solo italiano, ma anche europeo e statunitense. 
Agli inizi degli anni ’50 la diffusione della fusariosi e l’introduzione di altre varietà più produttive e adatte alla grande distribuzione ne ha compromesso la produzione, arrivando a mettere a rischio la sua esistenza. Alcuni appassionati hanno continuato a coltivarlo presso orti privati, specialmente in paesi limitrofi a Voghera, garantendo la conservazione della semente e la sopravvivenza dell’ecotipo.
Nel 2006 è iniziata la selezione del seme ritrovato, che ha consentito una piccola produzione negli ampi terreni pianeggianti, sabbiosi e ricchi di minerali lungo gli argini del Po.
Le piantine, ottenute dai semi scelti e conservati dai produttori del Presidio e messi a dimora a febbraio, si trapiantano in pieno campo o sotto serra da inizio aprile alla fine di giugno. La gestione delle erbe spontanee si esegue con teli pacciamanti e/o lavorazioni meccaniche e la difesa da malattie e parassiti si basa su buone pratiche agronomiche quali la rotazione colturale annuale, l’irrigazione a goccia, la fertilizzazione con ammendanti e concimi organici, l’uso di ombreggianti, reti antinsetto e prodotti a base di rame.
Il peperone di Voghera è precoce e può garantire fino a quattro cicli di raccolta manuale tra luglio e novembre. In cucina è molto versatile: si mangia crudo, si usa per preparare risotti, peperonate, sottoli, sottaceti – da abbinare a secondi piatti, in particolare al bollito – e anche dolci. Alcune famiglie usano ancora conservarlo sotto vinaccia, nelle damigiane, secondo l’antica ricetta vogherese.

Stagionalità

Si raccoglie tra luglio e novembre. Sotto forma di composte, sottaceti e sottoli è reperibile tutto l’anno.

Torna all'archivio >
La ricerca che ha consentito il recupero delle caratteristiche organolettiche e morfologiche dell’ecotipo è stata avviata da un gruppo di produttori e dalla Condotta Slow Food Oltrepò Pavese, in collaborazione con l’Istituto tecnico agrario Carlo Gallini di Voghera, l’Istituto di patologia vegetale dell’Università di Milano e il Centro Ricerca Agraria (CRA) di Montanaso Lombardo. Nel 2008 è nata l’Associazione di tutela e valorizzazione del Peperone di Voghera (PepeVo). Le aziende che vi aderiscono sono per lo più gestite da giovani agricoltori e seguono un disciplinare di produzione rigoroso. I produttori del Presidio intendono così recuperare la memoria di un prodotto tradizionale identitario per la loro comunità e stimolare la curiosità dei più giovani e della ristorazione, affinché la sua coltivazione sia preservata anche in futuro.


Area di produzione
La zona vicino alla confluenza dei torrenti Scrivia, Curone e Staffora nel fiume Po, che va dalla provincia di Pavia a quella di Alessandria.


Presidio sostenuto da
Questo progetto è finanziato da CAF America grazie alla generosità di FedEx

Produttori

Az. Agr. Balduzzi
di Marco Balduzzi
Frazione Mezzo Nuovo, 15
Alzano Scrivia (AL)
Tel. 0131 857303
agribalduzzi@gmail.com
 
Cascina Sabbione
di Nicola Piccione
Località Cascina Sabbione, 6
Robecco Pavese (PV)
Tel. 348 8602642
nicolapiccione@virgilio.it 

Alessio Lancellotti
Via Po, 13
Casei Gerola (PV)
Tel. 329 3123995
 
Andrea Olezza
Via Vittorio Emanuele III, 53
Ghiaie di Corana (PV)
Tel. 0383 48220
orto.olezza@hotmail.it
 
Orti Sociali
di Moreno Baggini
Via Negrotto Cambiaso, 68
Voghera (PV)
Tel. 340 4558683
ortisocialivoghera@gmail.com




Referente Slow Food
Elisa Nervetti
Tel. 340 6753425
oltrepopavese@network.slowfood.it

Referente dei produttori
Andrea Olezza
Tel. 340 8123773
orto.olezza@hotmail.it

La ricerca che ha consentito il recupero delle caratteristiche organolettiche e morfologiche dell’ecotipo è stata avviata da un gruppo di produttori e dalla Condotta Slow Food Oltrepò Pavese, in collaborazione con l’Istituto tecnico agrario Carlo Gallini di Voghera, l’Istituto di patologia vegetale dell’Università di Milano e il Centro Ricerca Agraria (CRA) di Montanaso Lombardo. Nel 2008 è nata l’Associazione di tutela e valorizzazione del Peperone di Voghera (PepeVo). Le aziende che vi aderiscono sono per lo più gestite da giovani agricoltori e seguono un disciplinare di produzione rigoroso. I produttori del Presidio intendono così recuperare la memoria di un prodotto tradizionale identitario per la loro comunità e stimolare la curiosità dei più giovani e della ristorazione, affinché la sua coltivazione sia preservata anche in futuro.


Area di produzione
La zona vicino alla confluenza dei torrenti Scrivia, Curone e Staffora nel fiume Po, che va dalla provincia di Pavia a quella di Alessandria.


Presidio sostenuto da
Questo progetto è finanziato da CAF America grazie alla generosità di FedEx

Produttori

Az. Agr. Balduzzi
di Marco Balduzzi
Frazione Mezzo Nuovo, 15
Alzano Scrivia (AL)
Tel. 0131 857303
agribalduzzi@gmail.com
 
Cascina Sabbione
di Nicola Piccione
Località Cascina Sabbione, 6
Robecco Pavese (PV)
Tel. 348 8602642
nicolapiccione@virgilio.it 

Alessio Lancellotti
Via Po, 13
Casei Gerola (PV)
Tel. 329 3123995
 
Andrea Olezza
Via Vittorio Emanuele III, 53
Ghiaie di Corana (PV)
Tel. 0383 48220
orto.olezza@hotmail.it
 
Orti Sociali
di Moreno Baggini
Via Negrotto Cambiaso, 68
Voghera (PV)
Tel. 340 4558683
ortisocialivoghera@gmail.com




Referente Slow Food
Elisa Nervetti
Tel. 340 6753425
oltrepopavese@network.slowfood.it

Referente dei produttori
Andrea Olezza
Tel. 340 8123773
orto.olezza@hotmail.it

Territorio

NazioneItalia
RegioneLombardiaPiemonte

Altre informazioni

CategorieOrtaggi e conserve vegetali