Oliva Bianchera

Presidio Slow Food

Italia

Friuli Venezia Giulia

Olio

Ortaggi e conserve vegetali

Torna all'archivio >
Oliva Bianchera

L’olivicoltura in Friuli Venezia Giulia rappresenta una realtà piccola, in termini di volumi prodotti, ma di grande tradizione per storia e qualità. La gelata del 1929, ancor più intensa di quella del 1985, che mise in ginocchio tutta Italia, distrusse il 90% degli olivi della regione. Le piante secolari che ancora oggi popolano la zona di Trieste fino al Carso sono le testimoni di quanto l’olivicoltura abbia trovato, sin dai tempi dei Fenici e poi dei Romani, un favorevole habitat naturale nelle terre dell’area nord-orientale dell’Adriatico.
Protagonista assoluta di questa vocazione olivicola è la Bianchera (Belica in lingua slovena), varietà originaria di questi territori, probabilmente della zona di San Dorligo della Valle e di Muggia. Una pianta molto rustica e vigorosa, che produce lunghi rami fruttiferi, con foglie di media grandezza, strette, lunghe e leggermente arricciate. Una varietà dalla produttività buona e costante, adattatasi naturalmente alla zona e molto resistente alla bora, alle basse temperature e ai terreni calcarei. Durante la maturazione, l’oliva cambia colore e dal giallo-verde chiaro vira al rossastro con sfumature violacee. Vigoria e buona produttività, insieme alla resistenza ai fenomeni climatici e alle malattie, hanno mantenuto sul territorio questa cultivar, nonostante la tendenza degli ultimi decenni orientata a varietà non locali, considerate più produttive.
La coltivazione e la raccolta sono artigianali e manuali, i piccoli appezzamenti non favoriscono la meccanizzazione. La maturazione delle olive è tardiva e scalare: le olive si raccolgono all’inizio dell’invaiatura, ai primi cenni di freddo autunnale.
L’olio che si ottiene è particolarmente pregiato e molto apprezzato per le sue caratteristiche olfattive e gustative: ha profumo fruttato fresco e al gusto presenta una nota caratteristica di amaro e piccante. In cucina si abbina bene con i numerosi piatti tipici della tradizione gastronomica locale. È ideale per accompagnare il pesce e la carne, i piatti a base di funghi e le zuppe.

Stagionalità

L’olio extravergine di oliva Bianchera è disponibile tutto l’anno

Torna all'archivio >
Oggi la Bianchera è ancora simbolo dell’olivicoltura del Golfo di Trieste fino alla penisola istriana e, per i piccoli produttori artigianali del territorio, è una garanzia sia in campo che in frantoio.
Purtroppo, le piccole quantità prodotte, il frazionamento estremo delle proprietà, gli alti costi dovuti alla lavorazione tutta artigianale non ne fanno un prodotto redditizio, ma la passione e la testardaggine di un gruppo di agricoltori hanno permesso di mantenere questa varietà. A scarseggiare non sono solo le quantità ma pure i frantoi, per cui si usano anche quelli oltre confine, in una logica di comunità contadina territorialmente unica.
Al Presidio aderisce chi valorizza la Bianchera attraverso extravergini monovarietali, coltivando olivete tra il ciglione carsico e le colline del Breg e di Muggia senza prevedere alcun diserbo, e frangendo in una zona circostante non superiore alle poche decine di chilometri per mantenere alta la qualità delle olive.

Area di produzione
Golfo di Trieste, landa carsica di confine, nei terreni del Breg fino alla penisola istriana.

I produttori

Azienda agricola Rado Kocjančič
Via Dolina, 528
San Dorligo della Valle (Ts)
Tel. 040 8438048 - 348 3063298
posta@radokocjancic.eu
www.radokocjancic.eu

Agriturismo Radovič
Località Aurisina 138/a
Duino Aurisina (Ts)
Tel. 040 200173
info@agriturismoradovic.it
Referente Slow Food
Stelio Smotlak
stelio.smotlak@gmail.com
Oggi la Bianchera è ancora simbolo dell’olivicoltura del Golfo di Trieste fino alla penisola istriana e, per i piccoli produttori artigianali del territorio, è una garanzia sia in campo che in frantoio.
Purtroppo, le piccole quantità prodotte, il frazionamento estremo delle proprietà, gli alti costi dovuti alla lavorazione tutta artigianale non ne fanno un prodotto redditizio, ma la passione e la testardaggine di un gruppo di agricoltori hanno permesso di mantenere questa varietà. A scarseggiare non sono solo le quantità ma pure i frantoi, per cui si usano anche quelli oltre confine, in una logica di comunità contadina territorialmente unica.
Al Presidio aderisce chi valorizza la Bianchera attraverso extravergini monovarietali, coltivando olivete tra il ciglione carsico e le colline del Breg e di Muggia senza prevedere alcun diserbo, e frangendo in una zona circostante non superiore alle poche decine di chilometri per mantenere alta la qualità delle olive.

Area di produzione
Golfo di Trieste, landa carsica di confine, nei terreni del Breg fino alla penisola istriana.

I produttori

Azienda agricola Rado Kocjančič
Via Dolina, 528
San Dorligo della Valle (Ts)
Tel. 040 8438048 - 348 3063298
posta@radokocjancic.eu
www.radokocjancic.eu

Agriturismo Radovič
Località Aurisina 138/a
Duino Aurisina (Ts)
Tel. 040 200173
info@agriturismoradovic.it
Referente Slow Food
Stelio Smotlak
stelio.smotlak@gmail.com

Territorio

NazioneItalia
RegioneFriuli Venezia Giulia

Altre informazioni

CategorieOlioOrtaggi e conserve vegetali