Olio di noci tengkawang

Indonesia

West Kalimantan

Olio

Torna all'archivio >
Olio di noci tengkawang

Il Borneo è la più grande isola asiatica e la terza isola del mondo per estensione. Il suo territorio è diviso tra la Malesia e il Brunei nella parte settentrionale e l’Indonesia nella parte meridionale. La regione indonesiana prende il nome di Kalimantan e occupa circa il 73% dell’isola. Il Borneo è noto per le sue foreste pluviali, tra le più antiche del mondo. Proprio nelle foreste della provincia del Kalimantan dell’Ovest, nel distretto di Kapuas Hulu, si trova un villaggio nel quale si produce ancora l’olio di noci tengkawang in modo tradizionale.
Il 99% degli abitanti del villaggio di Nanga Yen è di etnia malese e la maggior parte lavora nei campi oppure coltiva alberi per l’estrazione della gomma. Una sessantina di persone (il 90% delle quali sono donne) proveniente da tre di questi villaggi si è riunita nella cooperativa Unyap Bina Usaha per la salvaguardia dell’olio di noci tengkawang.
L’olio di noci di tengkawang (o Lemak Tengkawang), detto anche «burro verde», è una sostanza grassa che deriva dalla lavorazione dei frutti dell’albero di tengkawang (detti illipe nuts), una pianta indigena del Borneo (specie del genere Shorea, famiglia delle Dipterocarpaceae).
Si tratta di una specie a rischio, minacciata dalla progressiva distruzione del suo habitat. La produttività di questa pianta è inoltre influenzata dai cambiamenti climatici e dalla diffusione di alcuni animali selvatici, come i cinghiali, che si nutrono delle giovani piante impedendo il ripopolamento.
Gli alberi di tengkawang raggiungono un’altezza che va dai 15 ai 30 metri, e iniziano a produrre frutti dopo 8 anni. La fioritura, e quindi la produzione, avviene a intervalli irregolari; ogni tre anni o addirittura ogni 4, 5 anni. I semi sono lunghi circa 5 cm e larghi 3. Dopo la raccolta, sono prima essiccati, poi sfarinati e quindi schiacciati e sistemati sul fuoco. Dopodiché si spremono per estrarre la materia grassa, con l’aiuto di un attrezzo di legno chiamato apit. La sostanza che se ne ricava è liquida e si conserva all’interno di canne di bambù dove solidifica.
L’olio di noci tengkawang a temperatura ambiente (fino a 29° C) ha la consistenza del burro. È di colore giallo, ha un aroma simile alla noce e, spesso, è usato per insaporire le carni. Le popolazioni locali lo usano per cucinare e per curare i morsi degli animali. Inoltre, può essere sciolto leggermente e servito come salsa per condire il riso, le verdure o le carni. Tradizionalmente era impiegato anche a scopi medicinali (come rimedio per le afte) o cosmetici (è un’eccellente crema idratante: ammorbidisce la pelle, dura a lungo, si assorbe rapidamente e protegge dai raggi solari).

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo
Torna all'archivio >
Il Presidio è nato con lo scopo di preservare i saperi e gli usi tradizionali di questo prodotto fortemente a rischio: la richiesta di legname e la creazione di piantagioni di palme da olio hanno infatti comportato una progressiva distruzione del suo habitat, compromettendo la biodiversità delle foreste del Kalimantan occidentale e, con essa, la cultura locale. L’albero di tengkawang e l’olio che se ne ricava sono una componente molto importante dell’economia e della cultura della popolazione indigena di quest’area, che li considera sacri.
La distruzione delle foreste minaccia direttamente la loro sicurezza alimentare e la loro stessa sopravvivenza.

Area di produzione
Villaggio di Nanga Yen, distretto di Kapuas Hulu, provincia del Kalimantan Occidentale

Partner tecnico
People Resources and Conservation Foundation (Prcf), Indonesia

60 produttori riuniti nella cooperativa Unyap Bina Usaha
Responsabile Slow Food del Presidio
Djoko Prakoso Sudarman
dj.prakoso@gmail.com

Referente dei produttori del Presidio
Hendra Wardhana Wisnu
c/o ihuda.prcf@gmail.com
Il Presidio è nato con lo scopo di preservare i saperi e gli usi tradizionali di questo prodotto fortemente a rischio: la richiesta di legname e la creazione di piantagioni di palme da olio hanno infatti comportato una progressiva distruzione del suo habitat, compromettendo la biodiversità delle foreste del Kalimantan occidentale e, con essa, la cultura locale. L’albero di tengkawang e l’olio che se ne ricava sono una componente molto importante dell’economia e della cultura della popolazione indigena di quest’area, che li considera sacri.
La distruzione delle foreste minaccia direttamente la loro sicurezza alimentare e la loro stessa sopravvivenza.

Area di produzione
Villaggio di Nanga Yen, distretto di Kapuas Hulu, provincia del Kalimantan Occidentale

Partner tecnico
People Resources and Conservation Foundation (Prcf), Indonesia

60 produttori riuniti nella cooperativa Unyap Bina Usaha
Responsabile Slow Food del Presidio
Djoko Prakoso Sudarman
dj.prakoso@gmail.com

Referente dei produttori del Presidio
Hendra Wardhana Wisnu
c/o ihuda.prcf@gmail.com

Territorio

NazioneIndonesia
RegioneWest Kalimantan

Altre informazioni

CategorieOlio