Miele di Bore

Etiopia

Oromia

Miele

Torna all'archivio >
Miele di Bore

Bore si trova sull’altopiano del Guji (Etiopia meridionale) e guji è anche il nome della comunità indigena che – in larga parte – vive in quest’area, a 3.000 metri sul livello del mare. Allevatori di bovini e pecore, coltivatori di cereali (orzo e gran), legumi ed ensete (il falso banano etiope), i guji sono anche apicoltori da sempre.
L’apicoltura, infatti, è una tradizione antica (cui sono dedicati festival, cerimonie tradizionali, riti di iniziazione per i giovani e canzoni) ma anche una pratica quotidiana: il miele è alimento, medicinale e base di alcune bevande (come il vino di miele, boka in dialetto locale).
La lunga stagione delle piogge – circa sette mesi l’anno – consente abbondanti fioriture nella foresta: le api possono lavorare a lungo e produrre due tipi di miele (uno bianco e uno scuro e ambrato, a seconda della stagione) che immagazzinano poco per volta negli alveari tradizionali (i gagura).
I gagura – come nella maggior parte dell’Etiopia meridionale – sono lunghi cilindri che vengono appesi ai rami degli alberi a diversi metri di altezza dal suolo. Si ottengono intrecciando paglia, piante rampicanti, bambù e foglie di banano; oppure scavando il legno leggerissimo del korch, un albero riconoscibile per i fiori arancioni.
Il miele si raccoglie tra aprile e maggio, una sola volta l’anno, nel cuore della notte, arrampicandosi sugli alberi con una corda e affumicando le arnie per stordire le api. Quindi si sistema in due contenitori separati, uno per il miele più scuro e uno per quello bianco, e si pressa con l’aiuto di bastoni, per estrarre il liquido dai favi e separarlo dalla cera.
Il miele bianco si ricava dal fiore del gatame (Schefflera abyssinica), ha consistenza cremosa, fondente e leggermente burrosa; l’aroma è vegetale, dolce, con una nota piccante nel finale e senza traccia di fumo.
Il miele scuro, invece, è un millefiori che si ottiene principalmente da Prunus africana (miessa), Vernonia amydalina (dhebicha) e Hagenia abyssinica (heto); talvolta si presenta cristallizzato.
Quasi tutto il miele bianco è venduto sul mercato locale, nella città di Bore, mentre il miele scuro è raccolto per il consumo familiare, usato anche come medicinale e per usi rituali.
Per accogliere gli ospiti e nei momenti di festa, si offre sempre il miele, accompagnandolo con altre preparazioni tradizionali: il kollo (chicchi di orzo tostato), la farina di orzo con burro, il latte servito nelle tradizionali zucche scavate e decorate e il latte cagliato mescolato con farina di orzo.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo
Torna all'archivio >
Il Presidio coinvolge 30 apicoltori, riuniti nella cooperativa Guji Bore, nata nel 2002, e fa parte della “Rete dei mieli di Etiopia”, una rete che promuove i migliori mieli artigianali del paese e che consente agli apicoltori di scambiare informazioni e di partecipare spesso a iniziative di formazione.
Il Presidio ha l’obiettivo di promuovere sul mercato nazionale un miele di alta qualità, adeguatamente confezionato ed etichettato, e prevede momenti di formazione, assistenza tecnica, acquisto di attrezzature, promozione.

Area di produzione
Villaggio di Wate, distretto di Bore, altopiano di Guji, regione Oromia

Presidio sostenuto da
Bule Hora University
30 apicoltori raggruppati nella Guji Bore Beekepers association
Responsabile del Presidio
Gololcha Balli Gobena
givehopeto3g@gmail.com
Il Presidio coinvolge 30 apicoltori, riuniti nella cooperativa Guji Bore, nata nel 2002, e fa parte della “Rete dei mieli di Etiopia”, una rete che promuove i migliori mieli artigianali del paese e che consente agli apicoltori di scambiare informazioni e di partecipare spesso a iniziative di formazione.
Il Presidio ha l’obiettivo di promuovere sul mercato nazionale un miele di alta qualità, adeguatamente confezionato ed etichettato, e prevede momenti di formazione, assistenza tecnica, acquisto di attrezzature, promozione.

Area di produzione
Villaggio di Wate, distretto di Bore, altopiano di Guji, regione Oromia

Presidio sostenuto da
Bule Hora University
30 apicoltori raggruppati nella Guji Bore Beekepers association
Responsabile del Presidio
Gololcha Balli Gobena
givehopeto3g@gmail.com

Territorio

NazioneEtiopia
RegioneOromia

Altre informazioni

CategorieMiele