Miele di ape melipona di Arusha

Tanzania

Kilimanjaro

Insetti

Miele

Torna all'archivio >
Miele di ape melipona di Arusha

Nei pressi di Arusha, centro urbano a nord della Tanzania, si trovano due dei più importanti vulcani africani attivi del paese: il Kilimangiaro e, a 70 chilometri di distanza, il monte Meru. Il villaggio di Ngurdoto sorge ai piedi dei suoi pendii più bassi e qui le donne della comunità si dedicano alla produzione di nyori, il miele dell’ape nera senza pungiglione (Meliponini).
Fino a sessant’anni fa questo miele molto particolare era raccolto in grandi quantità dagli alveari che si creavano naturalmente nei tronchi secchi, nelle cavità del terreno, nei cespugli e negli alberi. Poi la crescente deforestazione e l’inquinamento hanno ridotto drasticamente la produzione.
Gli alveari tradizionali (i bugni) sono ricavati da sezioni cave di tronchi e appesi ai tetti delle case, a palizzate o ai rami più alto di alberi da frutto (mango, avocado, papaya): normalmente si acquistano già abitati dagli sciami presso alcuni giovani della zona, che hanno ereditato dalla famiglia la conoscenza per la loro fabbricazione e per la gestione sciami. Sono loro che si inoltrano nelle aree boschive attorno al villaggio, individuando le specie di api senza pungiglione che devono entrare nel bugno (solo un paio sulle otto specie presenti: quelle più grosse e nere, molto produttive).
Da ogni bugno, diviso a metà con l’aiuto di coltelli, si ricavano circa 3-4 litri di miele puro, che viene separato dalla cera e dalle impurità tramite una pressa manuale e filtri di garza. Il miele si raccoglie a gennaio, febbraio e talvolta anche a ottobre, se la stagione si mantiene calda e asciutta.
Il miele è un millefiori dalla consistenza liquida e dal sapore agrodolce, con note agrumate e floreali. È rinomato anche per le proprietà medicinali (soprattutto per la cura del sistema respiratorio o per i dolori mestruali). Si aggiunge a latte o al tè caldo, oppure serve per dolcificare il porridge di farina di mais o miglio.
Oltre al miele, i produttori raccolgono dalle pareti interne delle arnie la preziosa propoli, una sostanza scura e collosa che viene allungata con succo di limone come cura per il mal di denti, oppure mescolata a olio di girasole per preparare una crema emolliente (supo), o ancora usata come colla naturale.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo
Torna all'archivio >
La produzione di miele delle api senza pungiglione è stata riscoperta nel 1996 grazie alle donne dell’associazione Umangu (in lingua locale Umoja wa Maendeleo Ngurdoto, che significa “donne insieme per lo sviluppo di Ngurdoto”). Nato nel 1994 su iniziativa di Rose Machange (donna con grande spirito d’iniziativa, mediatrice culturale impegnata con le comunità di etnia Maasai e referente dell’associazione Umangu), il gruppo ha l’obiettivo di riunire le donne che vivono in condizioni disagiate per migliorare il loro tenore di vita, fornendo le competenze e i mezzi per avviare un’attività produttiva. Ogni membro del gruppo possiede da 3 a 10 bugni, raccoglie il miele e lo conferisce a un laboratorio comune, dove viene filtrato e invasettato. Un decimo della produzione di ciascun membro è donato al gruppo come contributo per il sostegno alle attività. Le apicultrici producono anche una crema e un unguento medicamentosi, gestiscono l’orto comunitario di Ngurdoto (che fa parte della rete dei 10.000 orti Slow Food), preservano alcune varietà a rischio d’estinzione, come il kweme (salito sull’Arca del Gusto), e sensibilizzano le comunità dell’area sull’importanza di mangiare cibo locale. Il Presidio lanciato nel 2016 organizza formazioni sulla produzione di miele di qualità e sulla degustazione, finanzia l’acquisto di attrezzature (tra cui un idrometro, filtri e contenitori per la conservazione) e promuove la commercializzazione del miele, aiutando le donne a realizzare etichette e packaging adeguati.

Area di produzione
Villaggio di Ngurdoto, distretto di Arumeru, regione di Arusha

Partner tecnico
Conapi

23 apicultrici riunite nell’associazione Umangu (Umoja wa Maendeleo Ngurdoto: “donne insieme per lo sviluppo di Ngurdoto”) compresi 8 giovani di etnia chagga
Responsabile Slow Food del Presidio
Helen Nguya
tel. +255 754756606
helennguya@gmail.com

Referente dei produttori del Presidio

Rose Machange
Umangu Women Group
tel. +255 754471198
rmachange2000@yahoo.com

La produzione di miele delle api senza pungiglione è stata riscoperta nel 1996 grazie alle donne dell’associazione Umangu (in lingua locale Umoja wa Maendeleo Ngurdoto, che significa “donne insieme per lo sviluppo di Ngurdoto”). Nato nel 1994 su iniziativa di Rose Machange (donna con grande spirito d’iniziativa, mediatrice culturale impegnata con le comunità di etnia Maasai e referente dell’associazione Umangu), il gruppo ha l’obiettivo di riunire le donne che vivono in condizioni disagiate per migliorare il loro tenore di vita, fornendo le competenze e i mezzi per avviare un’attività produttiva. Ogni membro del gruppo possiede da 3 a 10 bugni, raccoglie il miele e lo conferisce a un laboratorio comune, dove viene filtrato e invasettato. Un decimo della produzione di ciascun membro è donato al gruppo come contributo per il sostegno alle attività. Le apicultrici producono anche una crema e un unguento medicamentosi, gestiscono l’orto comunitario di Ngurdoto (che fa parte della rete dei 10.000 orti Slow Food), preservano alcune varietà a rischio d’estinzione, come il kweme (salito sull’Arca del Gusto), e sensibilizzano le comunità dell’area sull’importanza di mangiare cibo locale. Il Presidio lanciato nel 2016 organizza formazioni sulla produzione di miele di qualità e sulla degustazione, finanzia l’acquisto di attrezzature (tra cui un idrometro, filtri e contenitori per la conservazione) e promuove la commercializzazione del miele, aiutando le donne a realizzare etichette e packaging adeguati.

Area di produzione
Villaggio di Ngurdoto, distretto di Arumeru, regione di Arusha

Partner tecnico
Conapi

23 apicultrici riunite nell’associazione Umangu (Umoja wa Maendeleo Ngurdoto: “donne insieme per lo sviluppo di Ngurdoto”) compresi 8 giovani di etnia chagga
Responsabile Slow Food del Presidio
Helen Nguya
tel. +255 754756606
helennguya@gmail.com

Referente dei produttori del Presidio

Rose Machange
Umangu Women Group
tel. +255 754471198
rmachange2000@yahoo.com

Territorio

NazioneTanzania
RegioneKilimanjaro

Altre informazioni

CategorieInsettiMiele