Miele delle montagne del Caucaso

Presidio Slow Food

Azerbaijan

Miele

Torna all'archivio >
Miele delle montagne del Caucaso

Il clima temperato delle aree montuose e semi-montagnose dell’Azerbaijan nord-occidentale ha favorito lo sviluppo di una forma tradizionale di apicoltura detta “tekne”, le cui origini sono antichissime. Il termine “tekne” designa un tronco d’albero scavato al suo interno a imitazione dell’habitat arboreo naturale prediletto dalle api selvatiche. Di norma il ciocco, che misura tra un metro e un metro e mezzo per un diametro di 40-50 centimetri, si ricava da essenze più morbide come il tiglio o l’ontano. Durante la lavorazione viene tagliato a metà e svuotato per creare lo spazio destinato agli insetti. A quel punto le due metà vengono ricongiunte e saldamente fissate. Quindi si pratica un foro d’ingresso e si introduce la famiglia destinata a fondare una nuova colonia. Di norma i “tekne” si collocano a un’altitudine compresa tra seicento e ottocento metri, dove la flora consente alle api di raccogliere polline di castagno, melo, pero e pesco. Il prodotto si raccoglie una volta l’anno, tipicamente nell’ultima settimana di luglio. Ciascun favo rende in media da uno a tre chili di miele. Il miele di “tekne” è tendenzialmente più scuro e denso del miele comune, e anche il sapore risulta più intenso.
Quando nel Diciannovesimo secolo hanno iniziato a diffondersi in modo capillare i telaietti per l’apicoltura i favi in “tekne”, meno produttivi, sono stati via via abbandonati e la pratica tradizionale si è fatta più rara. Il miele grezzo prodotto in cellette di cera, inoltre, ha un gusto più familiare che il palato moderno tende in genere a prediligere. Produrre miele nei “tekne” è anche un procedimento più oneroso rispetto ai sistemi moderni, per cui oggi la tradizione viene portata avanti solo da rari apicoltori ancora attivi nelle montagne del Nord-Est azero.
Fin dall’antichità i “tekne” danno ricetto all’ape grigia dei monti del Caucaso (Apis mellifera caucasica), una varietà locale dotata di una lingua più lunga che consente di ricavare nettare da un ventaglio di fiori eccezionalmente ampio e raccogliere un volume maggiore di materia prima. L’ape è inoltre dotata di specifiche caratteristiche che la aiutano a volare con più agio alle basse temperature e perciò a svernare. Qualità che si aggiungono a un’elevata rusticità e a una spiccata docilità: eppure sempre meno apicoltori azeri la preferiscono ad altre tipologie apicole.

Torna all'archivio >
Il recupero dell’antico metodo tradizionale basato sul “tekne” non può venire separato dalla salvaguardia dell’ape grigia dei monti del Caucaso. Il Presidio coinvolge apicoltori motivati a produrre miele di montagna di alta qualità avvalendosi del sistema tradizionale a base di “tekne”, ad allevare l’ape grigia dei monti del Caucaso oppure, nel caso ideale, a fare entrambe le cose. Il disciplinare di produzione sottoscritto dagli aderenti sancisce il rispetto degli apoidei e dell’ecosistema nel quale vengono allevati, oltre a prescrivere una scrupolosa aderenza alle tecniche tradizionali di produzione, raccolta e lavorazione del miele.

Area di produzione
Distretti di Gakh e Ismayilli

Con il sostegno di
Progetto COVCHEG finanziato dall’UE
Atayev Taleh
Yusifov Revan
Gaziyev Nurlan
Camalov Faiq
Yusifov Vagif
Demirchiyev Irfan
Hasretli Vusal
Shirinov Emin
Yusifov Firuddin
Hasratov Badraddin
Hajiyev Samed
Antifeev Andrey
Referente Slow Food del Presidio
Hasratov Badraddin
Tel. +994 (050) 207 08 09
Il recupero dell’antico metodo tradizionale basato sul “tekne” non può venire separato dalla salvaguardia dell’ape grigia dei monti del Caucaso. Il Presidio coinvolge apicoltori motivati a produrre miele di montagna di alta qualità avvalendosi del sistema tradizionale a base di “tekne”, ad allevare l’ape grigia dei monti del Caucaso oppure, nel caso ideale, a fare entrambe le cose. Il disciplinare di produzione sottoscritto dagli aderenti sancisce il rispetto degli apoidei e dell’ecosistema nel quale vengono allevati, oltre a prescrivere una scrupolosa aderenza alle tecniche tradizionali di produzione, raccolta e lavorazione del miele.

Area di produzione
Distretti di Gakh e Ismayilli

Con il sostegno di
Progetto COVCHEG finanziato dall’UE
Atayev Taleh
Yusifov Revan
Gaziyev Nurlan
Camalov Faiq
Yusifov Vagif
Demirchiyev Irfan
Hasretli Vusal
Shirinov Emin
Yusifov Firuddin
Hasratov Badraddin
Hajiyev Samed
Antifeev Andrey
Referente Slow Food del Presidio
Hasratov Badraddin
Tel. +994 (050) 207 08 09

Territorio

NazioneAzerbaijan

Altre informazioni

CategorieMiele