Mazzafegato dell’alta valle del Tevere

Presidio Slow Food

Italia

Umbria

Salumi e derivati carnei

Torna all'archivio >
Mazzafegato dell’alta valle del Tevere

Questo insaccato che ha la sua zona di origine nel centro Italia, trova la massima espressione nell’area dell’alta valle del Tevere, al confine tra Umbria e Toscana.
In quest’area il mazzafegato, altrimenti detto sanbudello nella Valtiberina toscana, è stato fino a qualche decina di anni fa un parente "povero" della salsiccia, immancabile sulla tavole in autunno e inverno, legato fortemente alla tradizione della norcineria casalinga. Ogni famiglia che possedeva suini, nella stagione della macellazione dei maiali produceva mazzafegati da consumare subito o, più raramente, da conservare sotto strutto, sott’olio, oppure nel grano o nella semola.
Preparare e consumare insieme i mazzafegati alla fine della lavorazione del maiale, è frutto dell’esperienza e della tradizione di ogni famiglia: a parte gli ingredienti di base – le carni rosse, più ricche di sangue, altrimenti non utilizzate (fegato,cuore,polmone e carni avanzate dalle altre lavorazioni) – il tipo di speziatura varia secondo il produttore, ognuno custodisce i propri segreti, tramandati oralmente in ogni comunità.
Il mazza fegato è l’ultimo salume che si prepara, dopo aver lavorato tutti gli altri, quando rimangono sul bancone le ultime parti della macellazione, la cosiddetta "ripulitura di banco".
Le carni vengono tritate grossolanamente, addizionate di un piccola parte di cotenna e di fegato e conciate con sale, pepe, piccole quantità di aglio, scorza di limone e/o arancio e soprattutto fiori di finocchio che, assieme alla grana grossolana, caratterizzano fortemente questo salume. L’impasto viene poi fatto riposare e insaccato nel budello naturale di suino detto "torto". La legatura avviene manualmente, con lo spago: si formano piccole salsicce di 10 centimetri di lunghezza e circa 3 di diametro, che sono poi lasciate asciugare per circa 7-10 giorni dopo di che sono pronte per il consumo. La tradizione prevede la cottura alla brace, accompagnandole con erbe di campo cotte e saltate.
Il colore del mazzafegato è scuro, ed è inconfondibile il sentore di fiori di finocchio che esprime tutto il suo aroma senza coprire il profumo della concia e delle carni.
Un prodotto complesso, che unisce la grossolanità delle carni a una speziatura suadente, nato dalla necessità di utilizzare tutto il maiale: grazie alla abilità dei norcini si è fatto di necessità virtù, trasformando quelli che possono essere considerati avanzi in un insaccato ricercato dagli amatori.

Stagionalità

Il mazzafegato si produce tradizionalmente nella stagione invernale, da novembre a marzo.

Torna all'archivio >
In Umbria, tra Città di Castello e Umbertide, alcuni macellai continuano a produrre il mazzafegato per la comunità locale che non ha mai abbandonato il consumo di questo salume tradizionale. Il Presidio ha riunito i produttori interessati a valorizzare questo prodotto e a lavorare con carni di provenienza locale.

Area di produzione
Comuni di Città di Castello e Umbertide, provincia di Perugia

Presidio sostenuto da
Comunità Montana Alta Umbria
Dario e Carlo Chiodi
Città di Castello (Pg)
San Leo Bastia
Vocabolo Cà di Biagiolo
Tel. 075 8504187

Centro Carni 2M
Umbertide (Pg)
Via Martiri della Libertà, 12/b
tel. 075 9411027

Macelleria dell’Allevatore
di Cesare Luccaccioni
Bivio di Canoscio (Pg)
Via Marinelli, 2
tel. 075 854199

Terra del Carpina
di Brachini Alberto
Montone (Pg)
Località Corlo, 13
tel. 075 9306176
Referente dei produttori del Presidio
Cesare Lucaccioni
Tel. 328 8908843
info@macelleriadellallevatore.com

Responsabile Slow Food del Presidio
Marino Marini
Tel. 328 3539448
marinimarino@libero.it
In Umbria, tra Città di Castello e Umbertide, alcuni macellai continuano a produrre il mazzafegato per la comunità locale che non ha mai abbandonato il consumo di questo salume tradizionale. Il Presidio ha riunito i produttori interessati a valorizzare questo prodotto e a lavorare con carni di provenienza locale.

Area di produzione
Comuni di Città di Castello e Umbertide, provincia di Perugia

Presidio sostenuto da
Comunità Montana Alta Umbria
Dario e Carlo Chiodi
Città di Castello (Pg)
San Leo Bastia
Vocabolo Cà di Biagiolo
Tel. 075 8504187

Centro Carni 2M
Umbertide (Pg)
Via Martiri della Libertà, 12/b
tel. 075 9411027

Macelleria dell’Allevatore
di Cesare Luccaccioni
Bivio di Canoscio (Pg)
Via Marinelli, 2
tel. 075 854199

Terra del Carpina
di Brachini Alberto
Montone (Pg)
Località Corlo, 13
tel. 075 9306176
Referente dei produttori del Presidio
Cesare Lucaccioni
Tel. 328 8908843
info@macelleriadellallevatore.com

Responsabile Slow Food del Presidio
Marino Marini
Tel. 328 3539448
marinimarino@libero.it

Territorio

NazioneItalia
RegioneUmbria

Altre informazioni

CategorieSalumi e derivati carnei