Lupino gigante di Vairano

Italia

Campania

Legumi

Torna all'archivio >
Lupino gigante di Vairano

Lupinone di Vairano, gigante di Vairano o lupinaccio: sono gli altri nomi con cui è noto il lupino gigante di Vairano, particolare per le grandi dimensioni. Antica produzione tradizionale – oggi abbandonata e sostituita da colture più redditizie – predilige i terreni acidi; per questa ragione l’area di Vairano, al confine tra Campania e Lazio e di origine vulcanica, è da sempre adatta a questa coltivazione.
La pianta raggiunge il metro e mezzo di altezza, il fiore è bianco, le foglie verde intenso. Il frutto è un legume lungo e schiacciato, che contiene fino a sei semi, di colore beige, dalla forma tondeggiante e del diametro di un centimetro e mezzo.
Seminato in ottobre e novembre, il lupino fiorisce da metà maggio a fine giugno e preferisce temperature elevate: infatti, più fa caldo, più è abbondante la fioritura e quindi il numero di baccelli. La raccolta avviene a luglio, poco prima della piena maturazione, tagliando o estirpando le piante e lasciandole in campo a completare l’essicazione. Dopodiché si procede con la trebbiatura, che avviene storicamente nelle prime ore del mattino per evitare che i baccelli si aprano, a causa del calore.
Una volta raccolti, i baccelli vengono battuti e i semi raccolti sono puliti e selezionati. Per poterli consumare, è necessario immergerli in acqua fredda 24 ore, sbollentarli due minuti e infine lasciarli in immersione per tre giorni in una salamoia. Un tempo, si sistemavano in grandi sacchi e si immergevano nelle acque del Volturno per settimane. I lupini sono un ottimo spuntino o un antipasto, magari accompagnati da olive e semi di zucca.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • Yes   No

Stagionalità

La raccolta avviene a luglio, essicati, sono disponibili tutto l’anno.

Torna all'archivio >
Oggi i lupini arrivano dall'estero, in particolare da paesi come India e Australia e la coltivazione nel Casertano non è più redditizia. Nonostante ciò, due aziende hanno conservato i semi e la produzione della varietà autoctona.
Il Presidio del lupino gigante di Vairano – insieme alla cipolla di Alife e all’oliva caiazzana – nasce nell’ambito del progetto Presidio della Biodiversità dell'Alto Casertano, realizzato da Slow Food Campania e dalla Fondazione Slow Food per la Biodiversità per valorizzare i prodotti più interessanti dei territori del GAL Alto Casertano che comprendono le macroaree del Monte Matese, del Monte Maggiore e del Monte Santa Croce.
L’obiettivo è rilanciare la coltivazione del lupino, distribuendo i semi a nuovi agricoltori e recuperando alcuni terreni agricoli fertili, ma abbandonati e incolti.

Area di produzione
Comuni di Vairano Patenora, Tora e Piccilli, Pietravairano, Caianello e Teano in provincia di Caserta.


Presidio sostenuto da
Gal Alto Casertano
I coltivatori

Tonino Balletta
Vairano Patenora (Ce)
Via Pizzomonte
tel. 338 7688486 – 339 8667907
balletta.al@alice.it

Rosalba Bianco
Pietravairano (Ce)
Via Lagoscello 1
tel. 333 3862078
mic77pan@libero.it

Francesco Del Sesto
Pietravairano (Ce)
Via Castagneto, 1/b
tel. 0823 644357 - 331 3738873
crescenzodelsesto@libero.it

Antonietta Palumbo
Vairano Patenora (Ce)
Via Marconi, 9
tel. 0823 988716
marioparente@virgilio.it

Il lupino gigante di Vairano viene trasformato da

Verticelli di Mario Parente
Vairano Patenora (Ce)
Via Marconi, 9
tel. 0823 988716 - 335 1342254
infoagricolaverticelli@gmail.com
Responsabile Slow Food del Presidio
Anna Zeppetella
tel. 349 0540760
delsezep@libero.it

Referente dei produttori del Presidio
Mario Parente
tel. 0823 988716 - 335 1342254
infoagricolaverticelli@gmail.com

Oggi i lupini arrivano dall'estero, in particolare da paesi come India e Australia e la coltivazione nel Casertano non è più redditizia. Nonostante ciò, due aziende hanno conservato i semi e la produzione della varietà autoctona.
Il Presidio del lupino gigante di Vairano – insieme alla cipolla di Alife e all’oliva caiazzana – nasce nell’ambito del progetto Presidio della Biodiversità dell'Alto Casertano, realizzato da Slow Food Campania e dalla Fondazione Slow Food per la Biodiversità per valorizzare i prodotti più interessanti dei territori del GAL Alto Casertano che comprendono le macroaree del Monte Matese, del Monte Maggiore e del Monte Santa Croce.
L’obiettivo è rilanciare la coltivazione del lupino, distribuendo i semi a nuovi agricoltori e recuperando alcuni terreni agricoli fertili, ma abbandonati e incolti.

Area di produzione
Comuni di Vairano Patenora, Tora e Piccilli, Pietravairano, Caianello e Teano in provincia di Caserta.


Presidio sostenuto da
Gal Alto Casertano
I coltivatori

Tonino Balletta
Vairano Patenora (Ce)
Via Pizzomonte
tel. 338 7688486 – 339 8667907
balletta.al@alice.it

Rosalba Bianco
Pietravairano (Ce)
Via Lagoscello 1
tel. 333 3862078
mic77pan@libero.it

Francesco Del Sesto
Pietravairano (Ce)
Via Castagneto, 1/b
tel. 0823 644357 - 331 3738873
crescenzodelsesto@libero.it

Antonietta Palumbo
Vairano Patenora (Ce)
Via Marconi, 9
tel. 0823 988716
marioparente@virgilio.it

Il lupino gigante di Vairano viene trasformato da

Verticelli di Mario Parente
Vairano Patenora (Ce)
Via Marconi, 9
tel. 0823 988716 - 335 1342254
infoagricolaverticelli@gmail.com
Responsabile Slow Food del Presidio
Anna Zeppetella
tel. 349 0540760
delsezep@libero.it

Referente dei produttori del Presidio
Mario Parente
tel. 0823 988716 - 335 1342254
infoagricolaverticelli@gmail.com