Gallina bianca di Saluzzo

Italia

Piemonte

Razze animali e allevamento

Torna all'archivio >

Fino a qualche decennio fa ogni cascina piemontese allevava animali da cortile come anatre, oche, conigli e galline. Questi piccoli animali erano destinati al consumo familiare e venduti nei mercati locali per integrare i modesti redditi aziendali. Le razze tradizionali di gallina, allevate per le uova e la carne, erano la bionda Piemontese e la bianca di Saluzzo.
La bianca di Saluzzo, conosciuta anche come bianca di Cavour, era diffusa principalmente nell’area tra Francia e Piemonte, corrispondente all’ex marchesato medievale di Saluzzo, e nella zona confinante della provincia di Torino, in particolare nei dintorni di Cavour: luogo in cui aveva sede un importante mercato di pollame che richiamava commercianti provenienti da ogni parte d’Italia.
Il piumaggio della bianca di Saluzzo è bianco tendente al giallo paglierino, la cresta e i bargigli sono rossi, le zampe e il becco gialli. Ha dimensione media, peso vivo di circa due chilogrammi, ossa sottili, muscoli ben sviluppati e profilo elegante. È una razza molto rustica, adatta a razzolare libera nei prati, dalla quale si ottengono uova dal guscio di colore rosato e carni pregiate, ingrediente di alcuni celebri piatti della cucina piemontese, come il pollo alla cacciatora e il tonno di gallina. Anche i bargigli e le creste sono impiegati nella preparazione della tradizionale finanziera, mentre la gallina a fine carriera è particolarmente indicata per essere bollita o servita in insalata.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo

Stagionalità

La carne è reperibile principalmente in autunno e in inverno; le uova sono disponibili nel periodo primaverile-estivo.

Torna all'archivio >
La bianca di Saluzzo sta rischiando l’estinzione. Nel corso degli anni ha preso il sopravvento l’allevamento industriale che, oltre a soppiantare le piccole aziende agricole, ha privilegiato animali a rapido accrescimento o a elevata produzione di uova, che non avevano bisogno di spazi ampi.
A partire dagli anni Novanta l’istituto professionale per l’agricoltura e l’ambiente di Verzuolo ha avviato il recupero genetico di questa razza partendo da nuclei reperiti nelle campagne circostanti. L’attività di selezione è portata avanti dall’Università di Veterinaria di Torino e coinvolge il centro di riproduzione di Verzuolo di Paolo Viano e l’incubatoio di Torre San Giorgio dei fratelli Monge.
Il Presidio ha riunito un gruppo di allevatori che producono carne e uova di qualità allevando gli animali secondo un disciplinare rigoroso: gli animali sono liberi di razzolare all’aperto (e non sottoposti alla costante illuminazione artificiale), sono vietati gli OGM, le mutilazioni, le cure antibiotiche, e così via.

Area di produzione
Tutto il territorio ragionale
Cascina Losetta
di Ileana Trogolo Got
Pinerolo (To)
Stradale Baudenasca, 59
tel. 366 5243774
cascinalosetta@libero.it
www.cascina-losetta.business.site

Cascina Badin
di Martino Patti
Castagneto Po (To)
Strada San Sebastiano, 24
cascinabadin@gmail.com
tel. 329 9229494

Cascina Roseleto
di Claudia Masera
Villastellone (To)
Via Poirino, 1
tel. 011 9610900 - 340 2442030
gelateria.roseleto@gmail.com
www.roseleto.it

Giovanni Perotti
Moretta (Cn)
Regione Boglio, 11
tel. 0172 94393 - 347 5769792 - 345 1387431
az.perotti@gmail.com

Parva Domus
di Cristina Desderi
Cavagnolo (To)
Via Casa Porta, 51
tel. 011 9151811 – 340 5258341
davide@parvadomus.it
www.parvadomus.it
Referente dei produttori del Presidio
Davide Lovera
Tel. 011 9151811
davide@parvadomus.it

Responsabile Slow Food del Presidio
Roberto Sambo
roberto.sambo@slowfoodpiemonte.com
La bianca di Saluzzo sta rischiando l’estinzione. Nel corso degli anni ha preso il sopravvento l’allevamento industriale che, oltre a soppiantare le piccole aziende agricole, ha privilegiato animali a rapido accrescimento o a elevata produzione di uova, che non avevano bisogno di spazi ampi.
A partire dagli anni Novanta l’istituto professionale per l’agricoltura e l’ambiente di Verzuolo ha avviato il recupero genetico di questa razza partendo da nuclei reperiti nelle campagne circostanti. L’attività di selezione è portata avanti dall’Università di Veterinaria di Torino e coinvolge il centro di riproduzione di Verzuolo di Paolo Viano e l’incubatoio di Torre San Giorgio dei fratelli Monge.
Il Presidio ha riunito un gruppo di allevatori che producono carne e uova di qualità allevando gli animali secondo un disciplinare rigoroso: gli animali sono liberi di razzolare all’aperto (e non sottoposti alla costante illuminazione artificiale), sono vietati gli OGM, le mutilazioni, le cure antibiotiche, e così via.

Area di produzione
Tutto il territorio ragionale
Cascina Losetta
di Ileana Trogolo Got
Pinerolo (To)
Stradale Baudenasca, 59
tel. 366 5243774
cascinalosetta@libero.it
www.cascina-losetta.business.site

Cascina Badin
di Martino Patti
Castagneto Po (To)
Strada San Sebastiano, 24
cascinabadin@gmail.com
tel. 329 9229494

Cascina Roseleto
di Claudia Masera
Villastellone (To)
Via Poirino, 1
tel. 011 9610900 - 340 2442030
gelateria.roseleto@gmail.com
www.roseleto.it

Giovanni Perotti
Moretta (Cn)
Regione Boglio, 11
tel. 0172 94393 - 347 5769792 - 345 1387431
az.perotti@gmail.com

Parva Domus
di Cristina Desderi
Cavagnolo (To)
Via Casa Porta, 51
tel. 011 9151811 – 340 5258341
davide@parvadomus.it
www.parvadomus.it
Referente dei produttori del Presidio
Davide Lovera
Tel. 011 9151811
davide@parvadomus.it

Responsabile Slow Food del Presidio
Roberto Sambo
roberto.sambo@slowfoodpiemonte.com

Territorio

NazioneItalia
RegionePiemonte

Altre informazioni

CategorieRazze animali e allevamento