Frutta andina di San Marcos

Presidio Slow Food

Perù

Cajamarca

Frutta fresca, secca e derivati

Torna all'archivio >
Frutta andina di San Marcos

La regione di Cajamarca, ai piedi delle Ande, conserva una grande varietà di specie vegetali commestibili, molte delle quali poco o affatto note. Tra queste, numerose piante da frutta, dai colori e dalle forme più svariate. Una diversità legata alla ricchezza di ecosistemi, ma anche alla stessa concezione del mondo delle popolazioni pre-colombiane. Secondo la cultura inca, infatti, tutte le forme di vita (l’uomo, gli animali, i vegetali, ma anche il vento, i ruscelli, la terra) sono intimamente connesse. E il rispetto per questo legame fra uomo e ambiente ha sicuramente contribuito a preservare la straordinaria biodiversità andina.
Tra le numerose specie autoctone, il Presidio ha selezionato tre piante fruttifere, interessanti sia per il consumo fresco sia per la trasformazione: il tomatillo, il poro poro e il pushgay.
Il tomatillo (Physalis peruviana), conosciuto anche come aguaymanto, poha e alkekengi, è una bacca globosa avvolta da un calice papiraceo, che ricorda una piccola lanterna cinese. Quando è maturo, ha un colore acceso, dal giallo all’arancione, e un sapore zuccherino, leggermente acido e rinfrescante, che lo rende particolarmente adatto alla preparazione di composte agrodolci. È inoltre ingrediente di confetture, gelati, liquori e bevande fermentate. Eccellente fonte di vitamine (soprattutto A e C), fosforo e proteine, grazie alle sue radici robuste e sviluppate, svolge anche un’importante funzione di controllo dell’erosione dei suoli.
Il poro poro o galupa (Passiflora pinnastipula), è un rampicante perenne, dai fiori vistosi e dal frutto oblungo e giallo chiaro, ripieno di piccoli semi. La polpa, dalla consistenza simile a quella dell’arancia, ha profumo intenso e persistente, sapore acidulo e aroma fragrante. Dai frutti si ottengono bevande dissetanti, confetture e sorbetti, ma può essere usato anche come condimento per insalate.
Infine il pushgay o mortiño (Vaccinium floribundum) è un piccolo arbusto selvatico che cresce nella fascia più alta e rocciosa di Cajamarca, dai frutti simili ai mirtilli europei: piccole bacche di colore blu scuro, quasi nere a maturazione. Ingrediente di confetture, liquori e sorbetti, è adatto anche come accompagnamento per le carni di agnello.

Torna all'archivio >
Nato in collaborazione con la Asociación Nacional de Productores Ecológicos (Anpe), il Presidio ha individuato un'area di produzione localizzata nella provincia di Cajamarca, tre specie di frutta e 30 produttori disponibili a lavorare insieme. Per ora la produzione di tomatillo e di poro poro è solo praticata a livello familiare, mentre il terzo prodotto del Presidio, il pusghay, si trova in forma spontanea alle altitudini maggiori. Le tecniche di coltivazione delle prime due specie sono sostenibili e non prevedono l'uso di concimi chimici o pesticidi. L'obiettivo del Presidio consiste nel mettere a punto la qualità dei trasformati e il loro confezionamento, incentivando la formazione dei produttori. Si lavora per definire un disciplinare per la coltivazione e per la trasformazione dei frutti in succhi, gelatine e confetture. Nel caso del pushgay sarà verificata la possibilità di selezionare materiale di moltiplicazione e di affiancare la coltivazione alla raccolta.

Area di produzione
San Marcos, dipartimento di Cajamarca
30 contadini che fanno capo ad Asociación Nacional de Productores Ecológicos (Anpe)

Asociación Nacional de Productores Ecológicos
www.anpeperu.org
Responsabile del Presidio
Napoleon Machuca Vilchez
tel. +51 981676572
mimaclama@yahoo.es
Nato in collaborazione con la Asociación Nacional de Productores Ecológicos (Anpe), il Presidio ha individuato un'area di produzione localizzata nella provincia di Cajamarca, tre specie di frutta e 30 produttori disponibili a lavorare insieme. Per ora la produzione di tomatillo e di poro poro è solo praticata a livello familiare, mentre il terzo prodotto del Presidio, il pusghay, si trova in forma spontanea alle altitudini maggiori. Le tecniche di coltivazione delle prime due specie sono sostenibili e non prevedono l'uso di concimi chimici o pesticidi. L'obiettivo del Presidio consiste nel mettere a punto la qualità dei trasformati e il loro confezionamento, incentivando la formazione dei produttori. Si lavora per definire un disciplinare per la coltivazione e per la trasformazione dei frutti in succhi, gelatine e confetture. Nel caso del pushgay sarà verificata la possibilità di selezionare materiale di moltiplicazione e di affiancare la coltivazione alla raccolta.

Area di produzione
San Marcos, dipartimento di Cajamarca
30 contadini che fanno capo ad Asociación Nacional de Productores Ecológicos (Anpe)

Asociación Nacional de Productores Ecológicos
www.anpeperu.org
Responsabile del Presidio
Napoleon Machuca Vilchez
tel. +51 981676572
mimaclama@yahoo.es

Territorio

NazionePerù
RegioneCajamarca

Altre informazioni

CategorieFrutta fresca, secca e derivati