Dolcetto dei terrazzamenti della val Bormida

Italia

Piemonte

Vino e vitigni

Torna all'archivio >

In Piemonte la superficie dedicata al dolcetto è ampia. Le prime notizie certe relative alla coltivazione di questo vitigno risalgono alla fine del Cinquecento e ne collocano l’origine nella zona del Monferrato. Di qui il dolcetto si è diffuso soprattutto nell’alessandrino e nel cuneese e fino a trent’anni fa si trovava anche in val Bormida (in Alta Langa), che per altitudine, è una zona limite per questo vitigno. Ora, grazie al lavoro di alcuni giovani produttori, le colline terrazzate dalla Valle Bormida stanno gradualmente riconquistando la vocazione vinicola.
Quest’area è caratterizzata da terre aspre, con un’altitudine che supera i 600 metri e una pendenza che arriva al 50%, mediata da ampie terrazze sostenute da muretti in pietra a secco (con le tipiche pietre di Langa, senza malta o cemento) che consentono la coltivazione. Il microclima è adatto alla coltivazione della vite proprio grazie alle pietre che, nelle ore notturne, restituiscono il calore assorbito durante il giorno. Il dolcetto, vitigno esigente in fatto di ambiente, ha trovato in val Bormida un habitat ideale anche grazie alla presenza di terreni calcarei-marnosi esposti a sud. Le condizioni di lavoro dei viticoltori sono estreme: la meccanizzazione è nulla o quasi, per la gestione delle infestanti sono praticate esclusivamente operazioni di diserbo fisico o meccanico e la vendemmia è svolta a mano, selezionando accuratamente i grappoli e preservando la loro integrità fino all’arrivo in cantina.
Il dolcetto dei terrazzamenti della val Bormida ha una colorazione rosso rubino con tenui riflessi violacei ed esprime all’olfatto note persistenti di piccoli frutti di bosco e di spezie che si uniscono a profumazioni erbacee. Al palato si manifesta con un corpo di medio livello e con un gusto asciutto, tannico e poco acido. Le sensazioni retro nasali ricordano i frutti sentiti all’olfatto e la mandorla amara.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • Yes   No

Stagionalità

La vendemmia si svolge a metà-fine settembre. Il vino è reperibile tutto l'anno.

Torna all'archivio >
Fino agli anni Ottanta i vigneti in Val Bormida erano abbondanti, ma in seguito la zona si è spopolata, i vigneti storici di dolcetto sono stati abbandonati e molte terre sono state destinate ai noccioleti, che sono diventate l’unica coltivazione redditizia dell’Alta Langa.
Alla fine degli anni Novanta alcuni giovani viticoltori hanno ripreso la coltivazione tradizionale del dolcetto sui terrazzamenti.
Il Presidio Slow Food è nato per valorizzare il lavoro di questi viticoltori, per salvaguardare la coltivazione della vite sui terrazzamenti e per sostenere l’economia di una zona depressa e di difficile gestione.

Area di produzione
Aree terrazzate della val Bormida, Alta Langa, provincia di Cuneo.

Presidio sostenuto da
Comuni di Cortemilia, Perletto e Torre Bormida

Barberis - Cascina San Lorenzo
di Stefano e Cristina Barberis
Cortemilia (Cn)
Strada San Lorenzo, 10
tel. 0173 81371 - 333 4372374
info@agribarberis.it
www.agribarberis.it

Cesare Canonica
Torre Bormida (Cn)
Via Maddalena, 9
tel. 0173 88026 – 340 2837209
info@canonicavini.it
www.canonicavini.it

Elena Patrone
Cortemilia (Cn)
Strada Viarascio, 15
tel. 340 7763740 - 388 6078255
info@patronevini.it
www.patronevini.it

Roccasanta di Pietro Monti
Perletto (Cn)
Via Cortemilia Alessandria, 4
tel. 0173 81795 - 340 8078889
info@aziendagricolaroccasanta.it
www.aziendagricolaroccasanta.it
Referente dei produttori del Presidio
Enzo Patrone
tel. 388 6078255
info@patronevini.it

Responsabile Slow Food del Presidio
Fulvio Prandi
tel. 335 6374659
fulvio.prandi@libero.it
Fino agli anni Ottanta i vigneti in Val Bormida erano abbondanti, ma in seguito la zona si è spopolata, i vigneti storici di dolcetto sono stati abbandonati e molte terre sono state destinate ai noccioleti, che sono diventate l’unica coltivazione redditizia dell’Alta Langa.
Alla fine degli anni Novanta alcuni giovani viticoltori hanno ripreso la coltivazione tradizionale del dolcetto sui terrazzamenti.
Il Presidio Slow Food è nato per valorizzare il lavoro di questi viticoltori, per salvaguardare la coltivazione della vite sui terrazzamenti e per sostenere l’economia di una zona depressa e di difficile gestione.

Area di produzione
Aree terrazzate della val Bormida, Alta Langa, provincia di Cuneo.

Presidio sostenuto da
Comuni di Cortemilia, Perletto e Torre Bormida

Barberis - Cascina San Lorenzo
di Stefano e Cristina Barberis
Cortemilia (Cn)
Strada San Lorenzo, 10
tel. 0173 81371 - 333 4372374
info@agribarberis.it
www.agribarberis.it

Cesare Canonica
Torre Bormida (Cn)
Via Maddalena, 9
tel. 0173 88026 – 340 2837209
info@canonicavini.it
www.canonicavini.it

Elena Patrone
Cortemilia (Cn)
Strada Viarascio, 15
tel. 340 7763740 - 388 6078255
info@patronevini.it
www.patronevini.it

Roccasanta di Pietro Monti
Perletto (Cn)
Via Cortemilia Alessandria, 4
tel. 0173 81795 - 340 8078889
info@aziendagricolaroccasanta.it
www.aziendagricolaroccasanta.it
Referente dei produttori del Presidio
Enzo Patrone
tel. 388 6078255
info@patronevini.it

Responsabile Slow Food del Presidio
Fulvio Prandi
tel. 335 6374659
fulvio.prandi@libero.it

Territorio

NazioneItalia
RegionePiemonte

Altre informazioni

CategorieVino e vitigni