Chinotto di Savona - Presìdi Slow Food - Fondazione Slow Food

Chinotto di Savona

La pianta, di origine cinese ma presente sul territorio rivierasco dal XVI secolo, è un piccolo sempreverde che sviluppa sui pochi rami un’incredibile quantità di fiori e frutti. I grappoli di chinotti virano col tempo dal verde brillante all’arancio, sprigionando un profumo intenso e caratteristico, segno di un’eccezionale serbevolezza, che ne consente la conservazione per periodi molto lunghi. Questi agrumi piccoli, amarognoli e dalla buccia spessa, sono sciroppati, canditi oppure trasformati in marmellata.

Area di produzione: territorio rivierasco da Varazze a Finale Ligure (provincia di Savona)
Presidio sostenuto da: Comune di Savona
Stagionalità: i chinotti si raccolgono da metà settembre fino a fine novembre. Come trasformati possono essere consumati durante tutto l’anno