Cavolo vecchio di Rosolini

Presidio Slow Food

Italia

Sicilia

Ortaggi e conserve vegetali

Torna all'archivio >
Cavolo vecchio di Rosolini

La città di Rosolini si trova tra le province di Ragusa e Siracusa, ai piedi dei monti Iblei e a pochi chilometri dalla Val di Noto. Nata con i Bizantini e conquistata dagli Arabi, Rosolini è ricca di storia e di cultura nonché un importante centro economico, da sempre vocato all’agricoltura e alla coltivazione di mandorli, ulivi, frumento o fave. Fino alla fine degli anni ’60, ogni famiglia aveva un cavallo o un mulo e possedeva una salina, ovvero una concimaia scavata nel terreno dove era accumulato lo stallatico proveniente dalla pulizia delle stalle. Proprio ai bordi della salina, era coltivato il cavolo vecchio di Rosolini. Dalla foglia poliennale (fino a 6/7 anni), il cavolo era trapiantato tra luglio e agosto e iniziava a produrre i primi sfalci a partire dagli inizi di ottobre fino alla fine di marzo. I semi erano riprodotti in famiglia e le piantine servivano esclusivamente per l’autoconsumo. Su ogni tavola della zona Iblea – e in particolare a Modica – non poteva mai mancare. Oggi le piante di cavolo vecchio sono ancora coltivate negli orti famigliari, insieme ad altre essenze, oppure si trovano ai bordi degli orti per sfruttare le caratteristiche poliennali di questo cavolo.

Stagionalità

La raccolta avviene tra ottobre e marzo.

Torna all'archivio >
Con il passare del tempo e come accade oramai per tutte le colture marginali, il cavolo vecchio ha rischiato l’estinzione, dovuto ad un continuo abbandono dell’agricoltura e dalla poca conoscenza del cavolo stesso.
Un gruppo di giovani produttori, grazie alla sensibilità di un vivaio che si è occupato della riproduzione delle piante, è impegnato nel recupero della coltivazione. L’obiettivo è rilanciare la varietà, ancora apprezzata dalla popolazione locale e dai ristoratori più attenti ai sapori del territorio.

Area di produzione
Comuni di Rosolini, Noto e Palazzolo (provincia di Siracusa); Ispica, Modica e Ragusa (provincia di Ragusa).


Produttori

Concetta Cavallo
Via Tiepolo, 22
Rosolini (Sr)
Tel. 348 0011082
concetta.cavallo@virgilio.it

Radice Sicula
di Gianluca Pannocchietti
Via Marconi, 91
Rosolini (Sr)
Tel. 334 2305204
radicesicula@gmail.com

Referente dei produttori del Presidio
Concetta Cavallo
Tel. +39 348 0011082
concetta.cavallo@virgilio.it

Responsabile Slow Food del Presidio
Franco Motta
Tel.+39 347 3438731
francescomott@gmail.com

Con il passare del tempo e come accade oramai per tutte le colture marginali, il cavolo vecchio ha rischiato l’estinzione, dovuto ad un continuo abbandono dell’agricoltura e dalla poca conoscenza del cavolo stesso.
Un gruppo di giovani produttori, grazie alla sensibilità di un vivaio che si è occupato della riproduzione delle piante, è impegnato nel recupero della coltivazione. L’obiettivo è rilanciare la varietà, ancora apprezzata dalla popolazione locale e dai ristoratori più attenti ai sapori del territorio.

Area di produzione
Comuni di Rosolini, Noto e Palazzolo (provincia di Siracusa); Ispica, Modica e Ragusa (provincia di Ragusa).


Produttori

Concetta Cavallo
Via Tiepolo, 22
Rosolini (Sr)
Tel. 348 0011082
concetta.cavallo@virgilio.it

Radice Sicula
di Gianluca Pannocchietti
Via Marconi, 91
Rosolini (Sr)
Tel. 334 2305204
radicesicula@gmail.com

Referente dei produttori del Presidio
Concetta Cavallo
Tel. +39 348 0011082
concetta.cavallo@virgilio.it

Responsabile Slow Food del Presidio
Franco Motta
Tel.+39 347 3438731
francescomott@gmail.com

Territorio

NazioneItalia
RegioneSicilia

Altre informazioni

CategorieOrtaggi e conserve vegetali